TimGate
header.weather.state

Oggi 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 17:00

 /    /    /  Amazon ha presentato nuovi robot per i suoi magazzini
Amazon ha presentato nuovi robot per i suoi magazzini

- Credit: Franck V./Unsplash

E-COMMERCE23 giugno 2022

Amazon ha presentato nuovi robot per i suoi magazzini

di Samuele Ghidini

Che affiancheranno i dipendenti umani aiutandoli nello svolgere mansioni 'pesanti': ecco come

Amazon ha da poco presentato ufficialmente il suo primo robot completamente autonomo per i propri magazzini. Ribattezzato 'Proteus', il gioiellino della società di Seattle è capace di spostare carrelli di dimensioni non indifferenti anche quando si trova ad operare vicino a personale umano. Questo piccolo particolare non è indifferente, visto che i robot utilizzati dal colosso dell’e-commerce sono attivi e utilizzabili solo nelle parti di magazzino in cui i dipendenti non possono entrare.

 

Proteus, invece, grazie ad 'un avanzato sistema di navigazione, percezione e sicurezza' proietta una luce verde nel suo campo visivo, e quando una persona vi entra illuminandosi di verde il robot si ferma per ripartire una volta verificata l’assenza di individui.

 

- LEGGI ANCHE - Amazon Prime Day 2022 si terrà il 12 e il 13 luglio

- E ANCHE - Amazon non accetterà pagamenti in criptovalute

 

Amazon, inoltre, ha presentato diverse innovazioni tra le quali è degna di menzione 'Cardinal', ovvero un altro sistema robotizzato per la movimentazione di oggetti e pacchi di peso massimo pari a circa 22 chilogrammi, che integra un sistema visivo utile ad individuare con precisione l’oggetto corretto da prelevare, anche qualora lo stesso si trovi sotto una 'colonna' di altri oggetti. L’arrivo nei magazzini di 'Cardinal' potrebbe concretizzarsi già nel 2023, stando a quanto annunciato dalla società.

 

In ultimo, Amazon ha presentato un prototipo di un sistema tecnologico per riconoscere i pacchi senza necessità di scansione – come abitudine – del codice a barre degli stessi. Grazie alla novità, ancora da sviluppare, gli addetti ai magazzini dovranno molto banalmente far passare il pacco davanti ad una particolare tipologia di videocamere inserite in un unico sistema, che restituiscono luce verde se il riconoscimento è corretto.

 

La società di Seattle, invero, non si è dilungata troppo nei dettagli, chiarendo però che due degli elementi principali della tecnologia in questione consistono nel machine learning e in videocamere da 120 FPS (Frame al secondo).

 

Come spesso accade, le novità inerenti l’introduzione di robot che si sostituiscono alle mansioni svolte dal personale umano, non incontrano pareri entusiastici. Amazon, però, ha specificato che l’obiettivo perseguito con l’introduzione dei robot è diverso: migliorare la sicurezza e le condizioni lavorative dei propri dipendenti, evitando che gli stessi debbano sollevare e/o spostare pacchi e carrelli molto pesanti.

 

Attività che, se svolta continuativamente, nel lungo periodo per il colosso dell’e-commerce è origine di infortuni e rappresenta un problema a cui porre rimedio. Fornendo anche la risposta, ovvero l’utilizzo dei robot adibiti a tali mansioni.