Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 26 maggio 2020 - Aggiornato alle 00:10
Live
  • 21:15 | Il costo di Harry e Meghan ai britannici
  • 20:44 | La Spagna riaprirà ai turisti da luglio
  • 20:13 | Brasile, Bolsonaro e la passeggiata con hotdog e Coca-cola
  • 19:39 | Google Messaggi userà la crittografia end-to-end per gli RCS
  • 19:25 | Ad Hong Kong sono ricominciate le proteste
  • 19:22 | Luca Zaia conferma la Mostra del Cinema di Venezia 2020, ecco come sarà
  • 19:11 | Zoom: sospesa “temporaneamente” l’integrazione con Giphy in chat
  • 19:03 | Brian May ha avuto un infarto: "Sono stato a un passo dalla morte"
  • 19:00 | La confusione amorosa di Elena Morali
  • 18:52 | OneRepublic e Negramaro insieme in "Better Days-Giorni Migliori"
  • 17:45 | La Milano Digital Week online edition
  • 17:43 | "Bella così", l'inno per le donne di Chadia Rodriguez e Federica Carta
  • 17:36 | Coronavirus: l’app Immuni sarà disponibile a inizio giugno
  • 17:34 | Ricetta canederli
  • 17:05 | Le 50 canzoni più ascoltate della settimana su TIMMUSIC
  • 16:55 | Purè di patate con bimby
  • 16:46 | Covid-19 alle spalle, Coverciano torna completamente alla Figc
  • 16:33 | Positivo al Covid-19 giocatore del Torino, ora è guarito
  • 16:30 | Basket, stop alle coppe: cancellate ufficialmente EuroLega ed EuroCup
  • 16:28 | Euro 2020 virtual, l'Italia è campione d'Europa
Amazon potrebbe posticipare il “Prime Day” a settembre - Credit: iStock
E-COMMERCE 23 maggio 2020

Amazon potrebbe posticipare il “Prime Day” a settembre

di Federico Bandirali

La giornata delle “promozioni” destinata a slittare per i problemi nelle consegne dovuti alla pandemia

Amazon, stando a quanto riporta il Wall Street Journal, potrebbe posticipare il “Prime Day”, ovvero “l’evento promozionale” per definizione del colosso dell’e-commerce, a settembre.

Motivo? Banalmente la pandemia ha innescato una dinamica per cui gli ordini online sono cresciuti a dismisura, cogliendo impreparata la società di Jeff Bezos che si sta pian piano attrezzando per evadere tutti gli ordini.

 

Il “Prime Day”, che solitamente è calendarizzato nel cuore dell’estate, rappresenta una sorta di “mucca da mungere” visto che, solo nel 2019, ha spostato circa sette miliardi di dollari dai conti in banca degli utenti a quello del colosso di Seattle, che evidentemente non intende perdere un cent per disguidi nelle consegne dei prodotti.

 

Questo perché, come e più di tutto il mondo dell’e-commerce, Amazon sta avendo grosse difficoltà nell’evadere gli ordini dei clienti con servizio di consegna a domicilio da inizio pandemia. A marzo, infatti, la società aveva annunciato che avrebbe dato “priorità temporanea” alla consegna di beni essenziali, dal materiale medico ai prodotti per la casa, in modo da riuscire a soddisfare gli utenti/clienti.

 

Tuttavia, anche a causa delle proteste dei dipendenti dei magazzini costretti a lavorare in condizioni di sicurezza rivedibili (eufemismo) per la protezione dal coronavirus SARS-Cov-2 e delle conseguenti proteste, le consegne hanno subito ritardi sempre maggiori.

 

Una situazione che ha obbligato Jeff Bezos a investire 4 miliardi in ragione degli effetti della pandemia. Cifra roboante, certo, ma risibile rispetto al fatturato del primo trimestre dei 2020, pari a 75,5 miliardi e che erode solo l’utile operativo del periodo in questione (4 miliardi, appunto).

 

Il tutto senza nemmeno sfiorare i ricavi successivi, aumentati con l’imposizione del lockdown in tutto il mondo o quasi, al punto che gli utili stimati a fine aprile hanno raggiunto i 25 miliardi di dollari totali. Ma, come un cane che non molla l’osso fino all'utlimo, il fatturato del Prime Day è essenziale per l’uomo più ricco del mondo, e già prima dell’indiscrezione del WSJ si ipotizzava un suo rinvio ad agosto.

 

Tornando al ridicolo della vicenda, secondo quanto riferito dalla Reuters il colosso dell’e-commerce prevede di perdere 100 milioni di dollari - quindi nulla o quasi se paragonato all’utile netto - perché ha prodotto troppi dispositivi che dovrebbe vendere a prezzo scontato per via dei ritardi.

 

Un non problema che, come tante altre piccole cose, evidenzia l’ingordigia di Bezos, evidentemente intenzionato a rifarsi a breve delle decine di miliardi sborsati per il divorzio con la sua ex-moglie. Ingordigia che nel 2019 aveva portato il Prime Day a sdoppiarsi pur non cambiando nome, spalmando le offerte in due giorni (il 15 e il 16 luglio) per arrivare al “più grande successo commerciale nella storia dell’azienda”.

 

Successo che, come chiarito da Amazon stessa, portò anche ad un aumento esponenziale nella creazione di nuovi account sulla piattaforma e di adesioni al servizio Prime. Elementi che chiariscono meglio di mille parole perché, adesso, l’evento è evidentemente destinato ad essere posticipato.

Leggi tutto su News