TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 15:23

 /    /    /  Amazon: stop alla vendita di prodotti in plastica monouso
Amazon: stop alla vendita di prodotti in plastica monouso

- Credit: Christian Wiediger / Unsplash

TECNOLOGIA E AMBIENTE22 ottobre 2020

Amazon: stop alla vendita di prodotti in plastica monouso

di Federico Bandirali

Dal 21 dicembre saranno vietati sia in Italia che in altri Paesi Ue

Amazon con una mossa inattesa ha deciso di interrompere la vendita di oggetti in plastica non riutilizzabili e di quelli prodotti con plastica oxo-degradabile in Italia dal prossimo 21 dicembre. La novità, invero, non riguarderà solo il Belpaese ma anche gli altri Paesi Ue (o prossimi ad uscire, vedi Regno Unito) dove il colosso dell’e-commerceopera. Ovvero Francia, Spagna, Germania e Olanda, alle quali si aggiunge anche la Turchia per non meglio precisate ragioni.

 

La rimozione dei prodotti dal portale, come spiegato dal colosso di Jeff Bezos (che ha personalmente lanciato un fondo da 10 miliardi di dollari per “salvare il mondo” dal cambiamento climatico), interesserà sia i venditori che i fornitori, e verrà ovviamente applicata a tutte le vendite.

 

Per fare qualche esempio, prodotti come posate, bicchieri e piatti di plastica, packaging per generi alimentari, cannucce, cotton fioc e bevande “impacchettate” utilizzando polistirolo espanso scompariranno dalla piattaforma. La mossa, che anticipa le nuove normative Ue rispetto all’utilizzo della plastica e le amplia, si inserisce negli sforzi della società per tutelare l’ambiente, che vanno oltre all’impegno personale del fondatore e CEO (nonché uomo più ricco al mondo) Jeff Bezos.

 

- LEGGI ANCHE - Jeff Bezos (Amazon) sempre più ricco: ora vale oltre 200 miliardi

 

Tra gli obiettivi di Amazon rispetto alla svolta green, per il momento il primo è diventare “carbon neutral” entro il 2040, utilizzare solo energia provenienti da fonti rinnovabili entro il 2025 e, ancor più ambizioso, azzerare le emissioni di CO2 in tutte le spedizioni, con primo step fissato al 50% della logistica che ha scadenza nel 2030. Oltre ad un altro fondo da due miliardi, questa volta creato dalla società, sempre per contrastare il cambiamento climatico e tutelare l’ambiente. Un fronte che vede impegante, con scadenze e modalità diverse. tutte le big tech statunitensi.