TimGate
header.weather.state

Oggi 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 15:30

 /    /    /  Zoom è stata l’app più scaricata al mondo ad aprile
Zoom è stata l’app più scaricata al mondo ad aprile

- Credit: iStock

APP11 maggio 2020

Zoom è stata l’app più scaricata al mondo ad aprile

di Federico Bandirali

La videochat con 131 milioni di download “supera” TikTok, “ferma” a 107 milioni

Con la pandemia da coronavirus, evidentemente, le app di messaggistica istantanea ma, soprattutto, quelle per le videochiamate hanno registrato un incremento nell’utilizzo. Le seconde, poi, diventando anche “strumento” per lo smart working, sono cresciute in termini di popolarità esponenzialmente. I dati non fanno altro che confermare le ipotesi, come certifica un’analisi della società Sensor Tower secondo cui nel mese di aprile – fatta eccezione per i videogames – l’app con più download su scala globale stata Zoom.

 

- LEGGI ANCHE - Gli ultimi aggiornamenti sul coronavirus

L’app di videochiamate - utilizzata a New York anche per celebrare ufficialmente i matrimoni durante la pandemia al pari delle concorrenti come Skype e Google Meet - tra Apple Store per i dispositivi Apple e Google Play Store per quelli con sistema operativo Android, è stata scaricata poco meno di 131 milioni di volte (18,2% dei download in India, 14,3 negli Stati Uniti) scalzando così TikTok che da tempo era “in cima alla lista”.

 

Il social cinese, comunque, non smette di crescere con 107 milioni di download in 30 giorni, la maggior parte dei quali in India (22&) e negli Usa (9,8&).

Sempre collegata, ma in questo caso direttamente, alla pandemia, al settimo posto si piazza una novità assoluta, ovvero l’app di contact tracing indiana, con Facebook, WhatsApp, Instagram e Messenger ad occupare, nell’ordine, terzq, quartq, quintq e sestq "piazza".

 

Tuttavia, tutti i dati sono da considerare “al ribasso”, poiché non vengono tracciati i download di app dalla Cina dove il Google Play Store non è più attivo e chi utilizza smartphone Android non passa dal “negozio” di Mountain View ma da “venditori” alternativi.