TimGate
header.weather.state

Oggi 04 agosto 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Apple punta sul “Green” utilizzerà fonti rinnovabili anche in Europa
Apple punta sul “Green”: userà fonti rinnovabili anche in Europa

- Credit: iStock

TECNOLOGIA E AMBIENTE05 settembre 2020

Apple punta sul “Green”: userà fonti rinnovabili anche in Europa

di Federico Bandirali

Nuove iniziative in Germania e Danimarca per azzerare le emissioni entro il 2030

Apple, dopo aver fissato come obiettivo per il 2030 l’azzeramento di emissioni come annunciato ad agosto, compre un altro passo in questa direzione decidendo di dar vita a nuvi progetti, in Germania con inziative mirate e in Danimarca costruendo due turbine eoliche costiere vicino alla cittadina di Esbjerg. Cupertino, che ha superato sempre ad agosto i 2.000 miliardi di dollari di capitalizzazione a Wall Street stabilendo un nuovo record (nel frattempo anche l’amministratore delegato, Tim Cook, è diventato “ufficialmente” miliardario), rafforza così il proprio impegno per tutelare l’ambiente.

 

- LEGGI ANCHE - Apple vale più di 2.000 miliardi di dollari

- E ANCHE - Tim Cook (Apple) è entrato nel club dei miliardari

 

Nello specifico, infatti, le due pale eoliche saranno tra le più grandi mai realizzate al mondo, e produrranno energia sufficiente (62 Gwh annui) per soddisfare le esigenze elettriche di circa 20mila case. Come se non bastasse, le stesse saranno anche luoghi di test per la realizzazione di parchi eolici offshore.

 

Cupertino, ovviamente, indirizzerà il tutto nella propria catena produttiva, sfruttando l’energia creata per alimentare il suo “data center” situato a Viborg - comune danese di 94.218 abitanti situato nella regione dello Jutland centrale -, con l’energia “superflua” che verrà ceduta alla rete elettrica nazionale.

 

Il lavoro della Mela per diventare completamente “carbon free” (sotto tutti i punti di vista, dalla filiera produttiva all’allungamento del ciclo di vita dei prodotti), inoltre, si arricchisce con la collaborazione di partner e fornitori, visto che la tedesca Varta utilizzerà solo energia prodotta da fonti rinnovabili per gli approvvigionamenti destinati a Cupertino.

 

Una “linea di condotta” sposata anche dalle altre società che collaborano con Apple in Europa, tra cui spiccano la tedesca Henkel, STMicroelectronics in Svizzera, e l’azienda belga Solvay.

 

Come spiegato con una breve nota per annunciare i progetti da Lisa Jackson, vice presidente per le politiche ambientali e le iniziative sociali di Cupertino, le energie rinnovabili rappresentano un ambito nel quale Apple deve necessariamente essere “in prima linea, per il bene dell’ambiente e per quello delle prossime generazioni”.

 

Passare dalla parole ai fatti per la Mela. è risaputo, non rappresenta certo un problema. Anzi...