TimGate
header.weather.state

Oggi 13 agosto 2022 - Aggiornato alle 13:32

 /    /    /  Apple non toglierà la crittografia end-to-end da iMessage
Apple non toglierà la crittografia end to end da iMessage

- Credit: Marek Levák / Unsplash

APP09 agosto 2021

Apple non toglierà la crittografia end to end da iMessage

di Federico Bandirali

Cupertino ha “risposto” alle critiche chiarendo come funzioneranno le tecnologie per proteggere i minori

Dopo le critiche piovute da più parti (competitor inclusi) e le perplessità sollevate dagli addetti ai lavori, Apple ha deciso di fare chiarezza sul funzionamento degli elementi controversi ovvero i due sistemi per impedire la divulgazione di immagini pedopornografiche tanto dagli iMessage che dalla piattaforma iCloud Foto. Cupertino con un lungo elenco di FAQ ha precisato come le novità in questione non porteranno all’abbandono della crittografia end-to-end. Andando con ordine, ad ogni modo, la Mela morsicata ha dapprima diviso le due funzionalità marcandone le differenze.

 

- LEGGI ANCHE - Apple potrebbe togliere la crittografia da iMessage

- E ANCHE - Ecco come è cambiato il look dello Store online di Apple

 

 

Da un lato la funzione “Communication safety” per l’app Messaggi è stata progettata per impedire la visualizzazione di immagini con contenuti espliciti dai device appartenenti o utilizzati da minori. Grazie all’intelligenza artificiale e al machine learning “nel dispositivo”, le foto in questione che vengono recapitate sono sfocate mentre, contestualmente, ai genitori viene inviata una notifica qualora la progenie non abbia almeno 12 anni.

.

La funzionalità “Child Sexual Abuse Material detection” (CSAM) per iCloud Foto, invece, scansiona le foto prima che le stesse vengano caricate. In questo caso qualora le stesse corrispondano a foto contenute nel database statunitense per bambini smarriti o vittime di abusi, Cupertino informerà direttamente le autorità senza vedere le foto. Altra precisazione: il sistema funziona esclusivamente con iCloud attivato.

 

Il colosso guidato da Tim Cook ha inoltre chiarito che per quanto concerne gli iMessage non vi sarà condivisione di nulla con le autorità, e nemmeno la disattivazione della crittografia end-to-end come prerequisito per funzionare.

 

Relativamente alla funzione CSAM, la Mela morsicata prima di inoltrare la segnalazione alle autorità ha reso noto che procederà ad un controllo umano, mentre per scopi diversi la risposta ai governi sarà sempre no. E, pur confermando l’efficienza della tecnologia CSAM, Apple ha spiegato come la verifica umana eviterà l’inoltro di segnalazioni sbagliate alle autorità.