TimGate
header.weather.state

Oggi 29 settembre 2022 - Aggiornato alle 13:39

 /    /    /  Apple: stop alle mascherine obbligatorie per i dipendenti negli Usa
Apple: stop alle mascherine obbligatorie per i dipendenti negli Usa

- Credit: Unsplash/Engin Akyurt

COVID-1902 agosto 2022

Apple: stop alle mascherine obbligatorie per i dipendenti negli Usa

di Samuele Ghidini

Decisione dettata dal contesto pandemico, che segue altre mosse simili in passato poi 'ritrattate'

Apple ha deciso di eliminare nuovamente l'obbligo di utilizzo della mascherina per la maggior parte dei propri dipendenti statunitensi, come emerso da un documento interno a Cupertino nel quale vengono stilate le nuove regole per il ritorno al lavoro 'in presenza' di cui diversi siti statunitensi sono entrati in possesso.

 

Il testo recita: 'Alla luce delle circostanze attuali, nella maggior parte delle sedi non sarà più necessario indossare una mascherina'. Evidente il riferimento alla fase della pandemia, che di fatto impone scelte e retromarce a Cupertino come ad altre aziende non necessariamente tecnologiche.

 

Per la società guidata da Tim Cook, ad ogni modo, è un nuovo tentativo per il ritorno alla 'normalità' come già accaduto in precedenza, salvo scontrarsi con improvvise nuove ondate e conseguente aumento di contagi negli Stati Uniti come in altri Paesi.

 

- LEGGI ANCHE - Usa, il ritorno in ufficio dei dipendenti Apple

- E ANCHE - Apple riaprirà gradualmente gli uffici negli Usa dall’11 aprile

 

Tuttavia, per ora i dipendenti Apple potranno scegliere se usare o meno la mascherina qualora a seconda di ciò che li fa sentire 'maggiormente a proprio agio - recita il documento -. Inoltre chiediamo di rispettare la decisione di ciascun individuo nell'indossare la mascherina o meno', aggiunge.

 

Ovviamente solo il tempo dirà quanto a lungo resterà in vigore questo protocollo interno di Apple, con gli Usa travolti da un'impennata di contagi causata dall'ormai famosa variante BA-5 della versione Omicron del coronavirus pandemico Sars-Cov-2, alla quale sembra già pronta a succedere un'altra variante, Centaurus, in un loop continuo di mutazioni del virus.

.

In aggiunta, per quanto concerne il ritorno in ufficio dei dipendenti, Apple è ancora in una fase di riflessione. Il numero uno, Tim Cook, dopo i dubbi iniziali sullo smart working ora predica cautela, con una situazione attualmente 'ibrida' che finirà per raggiungere un punto di equilibrio tra lavoro da remoto e in presenza. Quando si tornerà alla normalità.