Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 27 gennaio 2021 - Aggiornato alle 12:15
Live
  • 11:48 | Le modifiche di Pinterest per far risaltare le Storie
  • 11:45 | Asciugamani bagno con iniziali, eleganti e alla moda
  • 11:39 | Chi è Marley Aké, il nuovo acquisto della Juve
  • 11:27 | Il programma delle consultazioni al Quirinale
  • 10:39 | Covid, Crisanti: "Variante brasiliana in Italia? Lockdown subito"
  • 10:20 | Giornata della memoria, come sono nate le pietre d'inciampo
  • 10:00 | Perché il Giorno della Memoria è proprio il 27 gennaio
  • 09:51 | Resident Evil Village arriverà il 7 maggio
  • 09:30 | Ibra e Lukaku infiammano un derby da libri di storia
  • 07:02 | Google: ecco come cambierà il look delle ricerche da PC
  • 06:43 | Eurolega: l’Olimpia Milano soffre ma batte anche l’Olympiacos 90-79
  • 06:00 | I titoli dei giornali di mercoledì 27 gennaio
  • 23:06 | La pandemia ha reso i ricchi ancora più ricchi
  • 23:06 | EuroCup, Top 16: Virtus Bologna senza freni, Buducnost demolito 87-65
  • 22:53 | Coppa Italia, Lukaku ed Eriksen portano l'Inter in semifinale
  • 21:29 | EuroCup, Top 16: il Boulogne Levallois piega Trento 92-86 all’overtime
  • 19:03 | Twitter e il progetto Birdwatch: gli utenti segnaleranno le fake news
  • 18:47 | La riapertura dell’Antiquarium a Pompei
  • 18:41 | L’offerta faraonica del Psg a Sergio Ramos
  • 18:34 | Coppa Italia, Gasperini: 'Papu Gomez ha dato tanto all'Atalanta'
AstraZeneca: il vaccino anti Covid nel mirino degli hacker - Credit: Kevin Ku / Unsplash
CORONAVIRUS 29 novembre 2020

AstraZeneca: il vaccino anti Covid nel mirino degli hacker

di Federico Bandirali

Dati e informazioni “attaccati” dalla Corea del Nord, ma senza successo

Che i progetti delle aziende e delle persone impegnate nello sviluppo dei vaccini per la Covid-19 siano nel mirino di collettivi hacker russi e nordcoreani, legati ai rispettivi governi, era cosa nota da tempo e rilevata, tra le altre, da Microsoft.

 


- LEGGI ANCHE - Microsoft: rilevati attacchi hacker per “rubare” i vaccini anti Covid

- E ANCHE - Le ultime news sul coronavirus, in Italia e nel mondo


 

Ma che uno specifico vaccino in fase 3 - quello “di Oxford”, prodotto da AstraZeneca (al centro di una revisione per le disomogeneità sull’efficacia recentemente emersa e collegata al “dosaggio”) - abbia avuto  comporvati problemi con un gruppo identificato a livello informatico è una novità assoluta.

Secondo fonti interne all’azienda, nel corso delle fasi di sperimentazione si sono verificati diversi tentativi di accedere ai dati raccolti dai ricercatori da parte di hacker nordcoreani collegati direttamente a Pyongyang con tanto di evidenze incontrovertibili.

 

Come detto, sin dall’inizio dello sviluppo dei vari vaccini anti-Covid hacker e cracker dei Paesi orientali hanno cercato di impossessarsi di informazioni preziose, con Donald Trump a lanciare le prime accuse (per poi “virare” sulla campagna elettorale, non esattamente vincente) e l’Ue in allerta, ancor di più dopo la notizia sul siero di AstraZeneca.

 

È indubbio, infatti, che l’obiettivo – fallito – fosse entrare in possesso delle informazioni tecniche e dei dati sull’antidoto sviluppato - come dichiarato pubblicamente sin da marzo - dalla prestigiosa università britannica e dalla multinazionale farmaceutica anglo-svedese con la partecipazione dell’italiana IRBM di Pomezia.

 

Questo tipo di dati e informazioni in questo momento storico, con la pandemia che non accenna a fermarsi, avrebbe un valore inestimabile sotto due aspetti: da un lato quello prettamente economico (comunque non così rilevante per i colossi farmaceutici); dall’altro a livello politico e “geopolitico” nella corsa alla soluzione definitiva per la Covid.

 


- LEGGI ANCHE - Gb, Usa e Canada accusano la Russia di rubare ricerche sul vaccino

- E ANCHE - Covid, AstraZeneca: "Il vaccino sarà distribuito a marzo 2021"


In questo senso, il coinvolgimento diretto della Corea del Nord non sorprende, e il fatto che i diversi tentativi siano andati a vuoto fa parte della logica delle cose. Tecnicamente, ad ogni modo, gli escamotage per perpetrare gli attacchi sono tanto banali quanto comuni, anche per i privati cittadini.

 

I collettivi nordcoreani, nonostante le smentite di rito arrivate da Pyongyang, avrebbero infatti tentato di mettersi in contatto con i ricercatori e i dirigenti di AstraZeneca via WhatsApp e LinkedIn, utilizzando file che a prima vista contenevano semplici cv con l’aggiunta, però, di malware e trojan in modo da “impossessarsi” dei loro PC.

 

Non è un caso, però, che la società e tutto il team coinvolto nello sviluppo del vaccino avessero da tempo adottato misure di sicurezza informatica tali da sventare quasi sul nascere simili attacchi, rinforzando in modo "importante" la protezione di informazioni e dati nel merito.

 

Esattamente come non sarebbe per nulla strano se altre aziende occidentali, impegnate nella ricerca del vaccino per la Covid-19, denunceranno di aver “respinto” hacker provenienti da altri Paesi in futuro.

I più visti

Leggi tutto su News