TimGate
header.weather.state

Oggi 05 agosto 2022 - Aggiornato alle 03:00

 /    /    /  Biden ha revocato il blocco di TikTok e WeChat negli Usa
Biden ha revocato il blocco di TikTok e WeChat negli Usa

- Credit: Iximus / Pixabay

APP10 giugno 2021

Biden ha revocato il blocco di TikTok e WeChat negli Usa

di Simone Colombo

Annullati i decreti di Trump mai entrati in vigore, ma non si fermeranno le indagini sulle proprietà cinesi delle app

Con l’equivalente di un decreto legge, ovvero un un ordine esecutivo, il presidente statunitense Joe Biden ha definitivamente revocato i divieti ad operare negli Usa decisi ad agosto 2020 dall’amministrazione Trump per le due app di proprietà cinese. Non cambia tuttavia l’atteggiamento del nuovo esecutivo rispetto alle due società, con indagini ancora da svolgere per confermare o meno che rappresentino una minaccia per la sicurezza nazionale e la privacy dei cittadini americani.

 

Il decreto “elimina” quelli firmati dal Tycoon nel merito, che in primis prevedevano il blocco delle app dagli Store, e poi l’obbligo per società statunitensi di non intrattenere rapporti commerciali con le due proprietà cinesi.

 

- LEGGI ANCHE: Negli Usa dal 20 settembre 2020 sarà proibito scaricare TikTok

- E ANCHE: Perché negli Usa si può ancora scaricare TikTok

 

Ordini esecutivi mai entrati davvero in vigore complici i ricorsi nei vari tribunali federali, e sospesi definitivamente con l’avvicendamento – a dir poco turbolento – dello scorso gennaio alla Casa Bianca.

 

- LEGGI ANCHE: Trump ha firmato un nuovo decreto per “forzare” la vendita di TikTok

- E ANCHE: Perché TikTok non è vietato negli Usa (per ora)

 

Il decreto dell’amministrazione Biden, eliminato il ban, mette però nero su bianco le intenzioni rispetto a cosa fare, ovvero aprire un’indagine approfondita su tutte le app che potenzialmente sono in grado condividere i dati personali degli utenti statunitensi con Paesi ostili.

“La sfida che stiamo affrontando con questo ordine esecutivo è verso alcuni paesi, inclusa la Cina, che operano per sfruttare le tecnologie digitali e i dati americani in modi che presentano rischi inaccettabili per la sicurezza nazionale”, il commento nel merito di un funzionario governativo anonimo.