Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 23 ottobre 2020 - Aggiornato alle 10:46
Live
  • 10:17 | Come è andato il terzo e ultimo dibattito tra Biden e Trump
  • 10:15 | Barbara Pozzo, chi è la moglie di Luciano Ligabue
  • 10:14 | L’esordio delle italiane in Europa League
  • 09:05 | Regali ai testimoni, idee e consigli
  • 09:00 | “N. Hemisphere” è il nuovo EP di Garrett Kato, l’intervista
  • 09:00 | Sformato di zucchine al forno
  • 06:00 | I titoli dei giornali di venerdì 23 ottobre
  • 22:55 | Celtic-Milan 1-3, Krunic, Brahim e Hauge espugnano Glasgow
  • 20:56 | Napoli-Az Alkmaar 0-1, gli olandesi espugnano il San Paolo
  • 20:55 | Young Boys-Roma 1-2, Peres e Kumbulla ribaltano gli svizzeri
  • 20:08 | Amazon: stop alla vendita di prodotti in plastica monouso
  • 19:37 | Facebook Dating ora è disponibile anche in Italia
  • 19:29 | "Mentre nessuno guarda", il nuovo disco di Mecna è su TIMMUSIC
  • 19:09 | Giro d’Italia, Wilco Kelderman nuova maglia rosa
  • 18:57 | MotoGP, Teruel: Suzuki in cerca di conferme, Yamaha all’ultima chiamata
  • 18:32 | Fitness fai da te? Sì, ma con la playlist di TIMMUSIC
  • 18:00 | Miley Cyrus racconta di aver visto gli UFO
  • 17:54 | Paul McCartney, tutto sul nuovo album nato durante il lockdown
  • 17:30 | Harry e Meghan finalmente lanciano il sito Archewell
  • 16:30 | Covid-19, Italia: 15.199 nuovi contagi in 24 ore
La scoperta del buco nero più vicino alla Terra - Credit: Istockphoto/Pitris
SCIENZA 6 maggio 2020

La scoperta del buco nero più vicino alla Terra

Ha una massa 4 volte il Sole ed è "solo" a mille anni luce da noi

 

È a oltre mille anni luce da noi eppure potrebbe essere il buco nero più vicino al Sistema solare mai osservato da un telescopio terrestre.

È stato scoperto dagli astronomi dell'Eso (European Southern Observatory) e di altri istituti; fa parte di un sistema il cui misterioso nome è HR 6819.

Ha due stelle compagne che addirittura possono essere viste a occhio nudo.

Gli scienziati hanno scoperto il buco nero proprio seguendo il moto delle due stelle con il telescopio da 2,2 metri che si trova all'osservatorio di La Silla, in Cile.

Le osservazioni hanno mostrato che una delle due stelle visibili orbita intorno a un oggetto invisibile, con una massa almeno 4 volte quella del Sole, mentre la seconda stella rimane a grande distanza da questa coppia interna.

Gli autori della scoperta, pubblicata dalla rivista Astronomy & Astrophysics, sostengono che questo sistema potrebbe essere solo la punta dell'iceberg e che in futuro si potrebbero trovare molti altri buchi neri simili.

Finora gli astronomi hanno individuato solo un paio di dozzine di buchi neri nella nostra galassia, quasi tutti a causa della potente emissione di raggi X dovuti alla forte interazione con il proprio ambiente.

Ma gli scienziati stimano che, nel passato della Via Lattea, molte altre stelle siano collassate a formare buchi neri al termine della loro vita.

La scoperta di questi sistemi tripli con una coppia interna e una stella distante potrebbero anche fornire indizi sulle violente fusioni cosmiche che rilasciano onde gravitazionali abbastanza potenti da poter essere rilevate sulla Terra.

 

 

Leggi tutto su News