TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Chi è Elon Musk, persona dell’anno 2021 per la rivista Time
Chi è Elon Musk, persona dell’anno 2021 per la rivista Time

Elon Musk- Credit: Patrick Pleul / IPA / Fotogramma

TECNOLOGIA13 dicembre 2021

Chi è Elon Musk, persona dell’anno 2021 per la rivista Time

di Federico Bandirali

Storia e successi del geniale capo di Tesla e SpaceX, uomo più ricco e influente sulla Terra (e non solo)

L’uomo più ricco al mondo, il vulcanico ed eccentrico Elon Musk, è stato eletto “persona del dell’anno 2021” secondo la celebre classifica della prestigiosa rivista statunitense Time, che per descriverlo ha fatto ricorso ad una serie di termini, anche contrastanti, come “clown, genio, provocatorio, visionario, industriale, showman, bastian contrario, mascalzone” e non solo. Perché il CEO di Tesla e SpaceX è questo ma anche molto, molto altro: “un folle ibrido di Thomas Edison, P. T. Barnum, Andrew Carnegie e il Doctor Manhattan di ‘Watchmen’”.

 

 

Il premio di Persona dell’anno di Time – che fino al 1999 era ribattezzato “ Uomo dell’anno”, appellativo ritenuto poi discriminatorio e non così significativo – come ogni anno viene attribuito a una persona, idea o progetto che “nel bene e nel male ha influenzato di più gli eventi dell’anno trascorso”. Premio ottenuto proprio per la dicitura relativa all’influenza sugli eventi anche da Adolf Hitler, e spesso non assegnato a una persona con nome e cognome specifici a riprova della serietà dello stesso.

 

Premiato per aver creato soluzioni davanti ad una crisi, incarnato le opportunità e i pericoli della tecnologia ed essere stato capofila nelle trasformazioni più audaci e dirompenti della società” secondo il direttore della famosa testata, Edward Felsenthal, “poche altre persone hanno influenzato la vita sulla Terra più di Elon Musk, e potenzialmente anche la vita oltre la Terra”.

 

Musk, 50 anni compiuti lo scorso 21 giugno, è nato a Pretoria da madre canadese e padre sudafricano. Dopo essersi laureato in economia e fisica in Canada, a metà degli anni Novanta si trasferì negli Stati Uniti dove fondò la startup Zip2 insieme al fratello Kimbal.

Nel 1999 la “piccola” azienda fu acquisita dalla società informatica Compaq per oltre 300 milioni di dollari, offrendo a Musk l’opportunità di fondare una nuova società che sarebbe poi diventata PayPal, azienda ora leader su scala globale nei pagamenti elettronici e acquisita da eBay nel 2002 per 1,5 miliardi di dollari.

 

Appassionato di esplorazioni spaziali, nello stesso anno Musk fondò SpaceX, divenuta in pochi anni una delle aziende spaziali private di maggior successo al mondo. La società offre infatti la possibilità ai clienti di portarli in orbita con i propri satelliti a costi relativamente bassi rispetto alla concorrenza, grazie a razzi parzialmente riutilizzabili.

 

L’azienda di Musk è diventata uno dei principali partner della NASA e da quest’anno gestisce i viaggi con astronaute e astronauti verso la Stazione Spaziale Internazionale, oltre ad essere inclusa nel progetto Artemis che riporterà l’uomo sulla Luna - sempre in collaborazione con l’agenzia aerospaziale statunitense - predisponendo la gigantesca astronave “Starship”.

 

Nel 2004 Musk entrò a far parte di Tesla, azienda specializzata nello sviluppo e nella produzione di veicoli elettrici, diventandone il CEO nel 2008. In precedenza, il visionario imprenditore (definizione riduttiva) naturalizzato canadese aveva inoltre co-fondato SolarCity, società che si occupa della produzione e vendita di pannelli solari poi confluita appunto nella stessa Tesla. Che oggi è la principale produttrice di auto elettriche al mondo.

 

Per la redazione di Time, l’uomo più ricco al mondo (nonostante non possieda quasi più nulla di “fisico” per scelta) ambisce “a salvare il nostro pianeta e a procurarcene uno nuovo da abitare”, oltre ad essere un “pensieroso semi-dio dalla pelle blu che inventa auto elettriche e si trasferisce su Marte”. Il potere occulto delle idee geniali e della creatività per un uomo che, come raccontato nell’ospitata al celebre Saturday Night Live, ha passato un’infanzia non semplice da bambino bullizzato e con la sindrome di Asperger in un Sudafrica ancora alle prese con l'apartheid.

 

Questo prima di prendere cittadinanza canadese e iniziare la sua lenta ma inesorabile ascesa, che secondo la redazione del Time lo ha portato a diventare colui che “con un colpo di dito, decide se il mercato azionario sale o sviene”. “Un esercito di devoti pende dalle sue labbra”, aggiunge la rivista, dando così risalto alle sue grandi capacità di comunicatore, sebbene più con fatti concreti e gesta che con la voce.

 

Così, dopo che nel 2020 Time aveva celebrato l’allora neo-presidente statunitense Joe Biden e la sua vice, Kamala Harris, tocca ora a Elon Musk ricevere l’ambita onorificenza e la conseguente copertina dell’ultimo numero del 2021 di Time.

 

- LEGGI ANCHE - SpaceX: l'astronave di un'azienda privata in viaggio con umani a bordo

- E ANCHE - Perché Elon Musk si è trasferito in Texas dalla California

 

Anche se la scelta è stata criticata, è difficile pensare che possa essere l’ultima volta nella copertina di fine anno su Time per Musk, capace di capire il progresso prima che si concretizzi o venga addirittura pensato, sebbene il personaggio sia evidentemente fuori dagli schemi e, conseguenza non insolita, geniale come pochi nella storia. Stranezze incluse, che spesso se non sempre si associano alla genialità visionaria e alla capacita di anticipare i tempi.