Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 06 maggio 2021 - Aggiornato alle 23:00
Live
  • 07:22 | Microsoft elaborerà ed archivierà i dati europei nei Paesi Ue
  • 05:59 | Perché Twitter ha deciso di comprare Scroll
  • 00:01 | SBK 2021, nei test di Aragon Rea abbatte il record della pista
  • 19:53 | Amy Winehouse, esce la raccolta speciale delle sue esibizioni più belle
  • 19:25 | Torna il "Power Hits Estate", tanti artisti live all'Arena di Verona
  • 18:00 | Patate hasselback vegan
  • 17:50 | Le date del tour estivo di Willie Peyote
  • 17:45 | Covid, in Italia altri 258 morti
  • 17:28 | I 60 anni di George Clooney
  • 17:24 | Il 5G come leva per il potenziamento e l’evoluzione del business
  • 17:07 | Serie tv sulla lotta ad Al Capone nella Chicago degli anni 20
  • 17:03 | Cosa preparo per cena? Insalata con cetrioli, pomodori e feta
  • 16:46 | Gli Uffizi vietano la condivisione di foto sui social
  • 16:41 | Nick Kamen, il toccante ricordo di Madonna e dei Duran Duran
  • 16:38 | Su Netflix una nuova commedia su tre figli viziati e superficiali
  • 16:21 | Il vaccino Moderna è efficace contro le varianti più aggressive
  • 16:18 | In asta da Sotheby's nuove opere di Modigliani e di Mirò
  • 16:17 | Conseguenze Brexit: sfida in mare intorno all'isola di Jersey
  • 16:00 | Scozia, perché sono così importanti queste elezioni
  • 16:00 | Observer: System Redux sarà disponibile dal 16 luglio
Perché questo virus si diffonde più velocemente degli altri - Credit: United Nations COVID-19 Response/Unsplash
SCIENZA 25 ottobre 2020

Perché questo virus si diffonde più velocemente degli altri

di Roberto Pianta

Negli ultimi decenni abbiamo visto altri virus, ma nessuno così. Ecco perché

 

Negli ultimi decenni, l'umanità ha affrontato diversi virus pericolosi, ma nessuno aveva messo in difficoltà interi continenti come sta facendo il coronavirus Sars-CoV-2.

Come mai? Cosa ha di particolare rispetto agli altri virus?

 

La Bbc ha provato rispondere a queste domande con l'aiuto di un noto luminare in materia, il professor Paul Lernher dell'Università di Cambridge, in questo interessante articolo (in inglese) che fa chiarezza sull'argomento una volta per tutte. Proviamo a farne una sintesi spiegata nel modo più semplice possibile. 

 

1) È un virus capace di ingannare l'uomo

 

Nelle prime fasi dell'infezione, il virus è in grado di ingannare il corpo umano: si diffonde nei polmoni e nelle vie respiratorie, ma mentre ciò accade, il nostro sistema immunitario non si preoccupa: pensa che sia tutto a posto.

 

Quindi, nei primissimi giorni, la persona infetta si sente in perfetta forma, anche se il suo corpo è pieno zeppo di virus.

 

Di solito, il nostro corpo, quando prende un'infezione di questo genere, rilascia sostanze chimiche che subito "avvisano" il resto dell'organismo, danno l'allarme. Con il coronavirus, invece, questo non succede.

 

In sintesi: il paziente è già malato, ma il suo corpo non lo sa ancora.

 

Così il malato, non sapendo di essere tale, continua a comportarsi come prima. Continua a incontrare altre persone, a vivere come se non fosse malato. E così diffonde il virus. 

 

Soltanto diversi giorni dopo, il paziente, se sintomatico, inizia finalmente ad accorgersi di non stare troppo bene. Si rende conto di essere stato contagiato. Va dal medico, fa il tampone, risulta positivo. Ma è tardi, perché intanto, nei giorni precedenti, quando si sentiva benone, ha già contagiato altra gente.

 

Il virus è già altrove, in altri corpi, a fare danni. Il suo obiettivo non è uccidere, ma spostarsi, diffondersi.

 

2) È un virus sconosciuto

 

Nelle epidemie precedenti, i virus spesso erano simili ad altri già incontrati in passato: perciò le persone avevano già una certa protezione immunitaria.

 

Il coronavirus Sars-CoV-2 invece rappresenta una novità: si tratta di qualcosa di diverso, di ignoto al sistema immunitario umano.

 

Per questa sua caratteristica lo si può paragonare al vaiolo, esportato dai colonizzatori spagnoli in America nel '500. Allora i sistemi immunitari degli indigeni non conoscevano il vaiolo, e quindi non sapevano difendersi. Così il vaiolo, una volta sbarcato oltreoceano, fece strage della popolazione locale (e in questo modo favorì la conquista da parte degli europei). 

 

Quando il sistema immunitario incontra un'infezione sconosciuta, fa molta fatica ad apprendere i modi con cui può combatterla. Ha bisogno di tempo. 

 

Infine, il sistema immunitario degli anziani è più lento rispetto a quello dei giovani: impiega troppo tempo per imparare a difendersi da un nemico di cui non "sa" quasi nulla. E a volte quel tempo non basta.

 

I più visti

Leggi tutto su News