TimGate
header.weather.state

Oggi 22 maggio 2022 - Aggiornato alle 00:00

 /    /    /  Google renderà più sicuro il browser Chrome: ecco come
Google renderà più sicuro il browser Chrome: ecco come

- Credit: Benjamin Dada / Unsplash

INTERNET21 gennaio 2022

Google renderà più sicuro il browser Chrome: ecco come

di Antimo Califfi

A partire dalla versione 101, la soluzione di Big-G per navigare su Internet introdurrà un sistema anti-intrusioni

Google ha ufficializzato una decisione non da poco rispetto ad un argomento delicato come la sicurezza che riguarderà nello specifico il suo browser per navigare in Rete Chrome, ovvero quello che nel corso degli anni si è imposto come il più usato su scala globale. La mossa di Big-G prevede che Chrome possa impedire ai siti Web pubblici l’accesso diretto agli endpoint parte di reti privati, annunciando la novità tecnica come rilevante cambiamento di sicurezza per evitare che qualcuno possa intrufolarsi nelle Reti e nei dispositivi degli utenti sfruttando il browser.

 

La modifica sarà sviluppata con due versioni di Chrome, la numero 98 e la 101, che dovrebbero essere rilasciate nei prossimi mesi poggiando su una nuova soluzione tecnologica a tutela della sicurezza.

 

- LEGGI ANCHE - Le novità della prima versione di Chrome del 2022

- E ANCHE - Google, il nuovo Chrome migliorerà il gioco in streaming

 

Nella sostanza, una volta che sarà lanciata la versione 101 di Chrome, tutti i siti Web accessibili in Rete dovranno chiedere virtualmente al browser una sorta di autorizzazione per poter accedere alle risorse di rete interne dalle quali ci connette a Internet.

 

Tecnicamente, una nuova specifica tecnica aggiungerà un comando al browser utile ai siti Web per richiedere ai server che sottostanno alle reti locali di abilitare la connessione agli stessi.

 

L'obiettivo prefissato è revenire che gli utenti possano subire attacchi hacker falsificando le richieste tra diversi siti, che attualmente mettono nel mirino router e reti Internet private portando gli utenti su siti “maligni”.