TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 14:17

 /    /    /  Ecco perché Elon Musk crede che Trump tornerà su Twitter
Ecco perché Elon Musk pensa che Trump tornerà su Twitter

Donald Trump- Credit: Gripas Yuri/ABACA / IPA / Fotogramma

SOCIAL NETWORK12 maggio 2022

Ecco perché Elon Musk pensa che Trump tornerà su Twitter

di Federico Bandirali

Il nuovo proprietario del social per la prima volta ha parlato dell’eliminazione del ban. Ma il Tycoon guarda altrove

La sospensione a vita dell’account Twitter dell’ex presidente statunitense Donald Trump nel gennaio 2021 a causa della violenta rivolta di Capitol Hill – vero e proprio attentato alla democrazia americana – secondo il nuovo proprietario del social Elon Musk è una decisione sbagliata. Il Tycoon, che ha palesato disinteresse verso la piattaforma dei cinguettii puntando sul suo social “Truth, potrebbe dunque fare marcia indietro quando, finalizzata l’acquisizione, il personaggio più influente al mondo nel 2021 per la rivista Time diventerà CEO ad interim di Twitter eliminando il ban.

 

Il CEO di Tesla e SpaceX, ha parlato dell’argomento in una video-intervista rilasciata al Financial Times, collegandosi in diretta durante l’evento FT Live. E, a precisa domanda relativa al ban a vita di Trump, Musk sebbene non con sintassi perfetta è stato chiaro: “Immagino che la risposta sia che annullerei il ban permanente. Non posseggo ancora Twitter. Non si tratta dunque di una cosa che accadrà, visto che non lo possiedo”.

 

Una novità che tale non è nel “Musk pensiero”, anche se si tratta della prima uscita in cui l’uomo più ricco al mondo ha affrontato l’argomento. Il ritorno su Twitter di Trump, a prescindere da quando sarà sbloccato l’account, non sarà comunque immediato.

 

- LEGGI ANCHE - Perché Donald Trump non tornerà su Twitter

- E ANCHE - Perché Twitter ha sospeso per sempre l’account di Trump

 

Il Tycoon prima vuole dare tempo per crescere al suo “Truth”, e avendo come obiettivo la candidatura alle presidenziali Usa del 2024 non ne manca per intensificare la probabile campagna elettorale. Che non può non passare da Twitter, qualora le “porte” del social preferito dall’ex presidente statunitense si dovessero realmente riaprire.