Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
    • Ricette
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 16 giugno 2021 - Aggiornato alle 16:00
Live
  • 18:09 | Calcio e innovazione: il futuro (prossimo) è in streaming
  • 23:00 | TIM FLEXY: Internet veloce per le seconde case, solo quando serve
  • 22:00 | TIM e Lega Serie A hanno rinnovato l’accordo di sponsorizzazione fino al 2024
  • 17:12 | L'accordo fra TIM e DAZN porta su TIMVISION le partite di Serie A
  • 16:30 | Cucina lineare: cos'è e come progettarla
  • 15:30 | “Parallel Worlds” è il primo disco di Fabrice Pascal Quagliotti, l’intervista
  • 14:19 | 3 curiosità che non sapevi su Courtney Cox
  • 14:15 | Luca Marinelli e Alessandro Borghi tornano a recitare insieme
  • 14:14 | Emma Stone, tutti i film dell'attrice
  • 14:08 | Corbezzolo: proprietà e utilizzo del frutto
  • 14:03 | L'incontro tra Putin e Biden a Ginevra
  • 14:00 | La storia di Zaky, studente a Bologna, incarcerato in Egitto
  • 13:59 | Nomi maschili: eccone alcuni tra i più bizzarri
  • 13:51 | Festa a tema Hollywood: cosa non deve mancare
  • 13:32 | Le donne che hanno vinto il Nobel
  • 12:58 | Marco Mengoni, nuovo singolo e due concerti negli stadi
  • 12:40 | I Negrita tornano con "La Teatrale Summer Tour": tutte le date live
  • 12:19 | Piano City Milano, il programma e gli artisti della decima edizione
  • 11:42 | The Beach Boys, in arrivo un cofanetto con 5 cd e 108 inediti
  • 11:30 | Brandy: cos'è e come prepararlo
Facebook chiederà di leggere un articolo prima di condividerlo I nuovi suggerimenti pre-condivisione - Credit: Facebook
SOCIAL NETWORK 11 maggio 2021

Facebook chiederà di leggere un articolo prima di condividerlo

di Federico Bandirali

Esattamente come su Twitter con una finestra pop-up. Ecco perché può essere utile o fastidioso

 

Facebook, usando Twitter come spesso accade seppur in controsenso palese con sé stessa, ha comunicato che inizierà a testare una sorta di finestra pop-up nel social per chiedere agli utenti se sono sicuri di voler condividere un articolo che non hanno letto.

Il suggerimento chiederà quindi a tutti di aprire l’articolo e quantomeno leggerne alcuni passaggi, tuttavia resta libertà individuale condividere senza questo passaggio o meno una news.

 

 

Il cinguettio recita: "A partire da oggi, stiamo testando un modo per promuovere una condivisione più informata di articoli di notizie. Se condividi il link di un articolo di notizie che non hai aperto, ti mostreremo un messaggio che ti incoraggia ad aprirlo e leggerlo, prima di condividerlo con gli altri". Un portavoce di Menlo Park ha poi chiarito che, nella fase iniziale, il test interesserà solo gli utenti con dispositivi Android, specificando che saranno il 6% di tutti quelli sparsi per il mondo che utilizzano il sistema operativo mobile di Google.

 

La novità è pressoché identica a quella che Twitter ha iniziato a testare lo scorso giugno, poi implementata al punto da rendere fastidioso doversi trovare davanti una domanda del genere prima di condividere anche se l’articolo è stato letto, ma non sul social.

 

- LEGGI ANCHE: Twitter chiederà a tutti: “Hai letto l'articolo prima di ritwittare”

- E ANCHE: Covid: perché Facebook ha rimosso 1,3 miliardi di account

 

Nelle intenzioni della società fondata e guidata dal "sagace" Mark Zuckerberg, la novità servirà per aiutare le persone a essere più informate e consapevoli rispetto a ciò che condividono, nell’ennesimo tentativo utile a limitare la diffusione di fake news e disinformazione su Facebook.

 

Impresa improba come testimonia il passato – remoto e recente -, con il messaggio ad evidenziare comunque aspetti importanti. Non aprire l’articolo (che non equivale a non averlo letto ma quasi), può determinare la mancata conoscenza di elementi chiave visto che difficilmente i titoli ad effetto danno il senso di quanto poi si legge. Mossa anti click-baiting dunque, anche se verosimilmente non voluta.

I più visti

Leggi tutto su News