Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 05 dicembre 2020 - Aggiornato alle 13:00
Live
  • 14:45 | Addio al penultimo cane della regina Elisabetta
  • 12:48 | La playlist di TIMMUSIC con i brani dedicati a Nelson Mandela
  • 12:44 | Arredamento classico moderno
  • 12:34 | Dentifricio al carbone fatto in casa
  • 12:27 | Il Milan a Genova senza Kjaer e Ibrahimovic
  • 12:24 | Stufe elettriche a basso consumo energetico, perché sceglierle
  • 12:13 | La neve e il maltempo in Italia
  • 12:00 | Kendall Jenner ha salvato la vita alla sorella
  • 11:25 | La Russia ha iniziato a somministrare il suo vaccino
  • 11:00 | Focaccia al farro con olive e rosmarino
  • 10:59 | L’Inter contro il Bologna per avvicinarsi alla vetta
  • 09:10 | Le 8 regioni che cambiano colore dal 6 dicembre
  • 06:00 | I titoli dei giornali di sabato 5 dicembre
  • 23:59 | Marc Marquez operato per la terza volta, 2021 a rischio
  • 21:04 | Prandelli, tre test negativi, può tornare ad allenare
  • 20:35 | Australian Open, nuovo inizio fissato per l’8 febbraio
  • 19:56 | Leclerc scommette su Russel in Bahrein
  • 19:27 | Biden e "i primi 100 giorni di mandato con la mascherina"
  • 18:48 | “Penguin Bloom”, l’atteso nuovo film targato Netflix
  • 18:30 | La regina Elisabetta e i furti dell’assistente
Perché Facebook ha vietato i deepfake in vista delle presidenziali Usa - Credit: iStock
TECNOLOGIA 8 gennaio 2020

Perché Facebook ha vietato i deepfake in vista delle presidenziali Usa

di Federico Bandirali

Proibiti i contenuti creati con l'intelligenza artificiale. Eviterà la diffusione di notizie false?

In vista della campagna elettorale per le presidenziali Usa 2020, Facebook ha reso noto lunedì 6 gennaio che verranno messi al bando e rimossi dalle piattaforme di proprietà (quindi anche Instagram) i deepfake (creati con l'intelligenza artificiale) e altri contenuti manipolati, con l’unica eccezione di quanto identificato come inequivocabilmente ironico o satirico.

 

Evidentemente si tratta di una misura evidentemente mirata a eliminare la diffusione di notizie false e mistificanti, che potrebbero alterare i risultati delle elezioni.

Cosa effettivamente successa nella tornata elettorale del 2016. Menlo Park, confermando le indiscrezioni della stampa statunitense, ha chiarito che il cambio di policy è da intendersi con effetto immediato.

 

Un post pubblicato sul blog ufficiale chiarisce come, per prima cosa, verranno rimossi da Facebook e Instagram i video "deepfake" modificati con l’intelligenza artificiale “unendo, sovrapponendo o sostituendo i contenuti originali” per apparire veritieri.

 

Una soluzione che dovrebbe evitare la pubblicazione sui social di post creati appositamente per trarre in inganno gli utenti meno “allenati” nell’identificare i fake, evitando che vengano tratti scientemente in inganno. 

 

Banditi, dunque, i contenuti manipolati, a prescindere dal “messaggio” se questo non è squisitamente “ludico”. Casistica che, secondo Menlo Park, include anche il discorso del presidente della Camera Nancy Pelosi - pubblicato nel maggio scorso e diventato subito virale -, modificato al punto da farla sembrare balbuziente.  Questo perché il video in questione è stato “rallentato” utilizzando un semplice software di video-editing e non creato sfruttando l’intelligenza artificiale, il vero bersaglio al centro del mirino del colosso di Mark Zuckerberg (peraltro “vittima” di un surreale deepfake).

 

Il video della Pelosi, a suo tempo, aveva scatenato polemiche a non finire che hanno interessato tutti i social network, con Twitter che lo scorso novembre aveva deciso di lasciar fissare le regole nel merito agli utenti. Anche se, ad oggi, la piattaforma di microblogging fondata da Jack Dorsey non ha fatto sapere nulla relativamente alla nuova e attesa policy sui media manipolati.

 

LEGGI ANCHE:

 

Le modifiche alla policy di Menlo Park, tuttavia, sono state annunciate con tempistiche “sospette”, visto che Monika Bickert - vicepresidente della gestione delle politiche globali di Facebook e autrice del post in questione - sarà ascoltata mercoledì 8 gennaio dalla Commissione per l’energia e il commercio statunitense, rappresentando la società di Mark Zuckerberg in un’audizione incentrata su “manipolazione e inganno nell’era digitale”.

I più visti

Leggi tutto su News