TimGate
header.weather.state

Oggi 17 maggio 2022 - Aggiornato alle 17:30

 /    /    /  Facebook introdurrà le Live Audio Room per competere con Clubhouse
Facebook: ecco le Live Audio Room per sfidare Clubhouse

Alcune schermate delle Live Audio Room- Credit: Facebook

SOCIAL NETWORK21 aprile 2021

Facebook: ecco le Live Audio Room per sfidare Clubhouse

di Federico Bandirali

Dopo Hotline, Menlo Park ha annunciato diverse novità per il suo social vocale che sfrutterà Messenger

Facebook non scherza e dopo aver lanciato l’app sperimentale Hotline rincara la dose con un’altra novità per far concorrenza (e vincerla) al social vocale Clubhouse, “esploso” relativamente (il paragone del boom con TikTok non sorride all’app esclusiva frequentata e abbandonata da Elon Musk, lo stesso Mark Zuckerberg e altri VIP) nel gennaio 2021 e finita subito "nel mirino" di Zuck. Infatti, Menlo Park, ha annunciato diverse new entry per rispondere al successo di quella che era diventata l’app dell’anno e ora vede le sue stanze sempre più vuote complice la riduzione delle restrizioni causa pandemia, con le Live Audio Room (Stante per Dirette Audio) il cui nome tradotto chiarisce come si tratti di una clonazione senza nemmeno provare a celarlo di Clubhouse in quasi tutti gli aspetti.

 

- LEGGI ANCHE: Clubhouse, che cos'è e come funziona il social "della voce"

- E ANCHE: ClubHouse social: cos'è e quali celebrity lo utilizzano già

 

Trovano dunque riscontro concreto i rumors degli ultimi tempi relativi a una soluzione che interessa di riflesso Messenger, visto che dopo una fase di test alla quale parteciperà un numero ristretto di “personalità” (non persone nell’annuncio, il perché si capirà strada facendo) la soluzione sarà disponibile entro l’estate, ovvero dopo l’integrazione con lo stesso Messenger.

 

I creatori di contenuti potranno registrare gli incontri per poi condividerli su Facebook e in altri social (sicuramente Instagram, ma è probabile anche verso altre piattaforme) e monetizzare quanto fatto in termini di impegno e dedizione inserendo dei “biglietti” a pagamento o degli abbonamenti utili agli altri utenti per essere parte di alcune Live Audio Room.

 

Una soluzione già usata con Hotline, che verrà implementata mediante il lancio del nuovo “Audio Creator Fund” (Fondo per i creators audio) in modo da garantire a chi propone i contenuti di guadagnare di più su base esclusivamente meritocratica.

 

Inoltre, arriverà anche un nuovo servizio ribattezzato “Soundbite”, ovvero una sorta di registrazioni audio di durata limitatissima da postare su Facebook. I sistemi d’intelligenza artificiale avranno il compito di trascrivere gli audio in automatico in modo da renderli disponibili per tutti: accesso ampio e garantito.

 

Le novità annunciate terminano con una inerente i podcast, tornati di moda con la pandemia e anche loro in regresso dopo un 2020 che ha rappresentato una seconda giovinezza: si potranno riprodurre in streaming con l’app di Facebook, senza usarne altre in nome della semplicità e dell’immediatezza.

 

Menlo Park, forte dei miliardi di utenti globali del suo ecosistema, sembra aver dispiegato tutto il suo arsenale “bellico” per sfruttare la moda lanciata da Clubhouse con una risposta “rapida” utile ad evitarne una crescita importante (cosa che non sta comunque accadendo) per entrare in un settore potenzialmente remunerativo.

 

Nel quale altre società tecnologiche e social si sono già addentrati, allargando la platea dei possibili rivali. Spetta ora a Clubhouse, in attesa della versione Android attesa per maggio, studiare le contromosse. Ammesso e non concesso che la moda "vocale" continui, ma indizi e analisi di esperti non suggeriscono un futuro roseo per la categoria “social vocali”. Insomma: non è come sfidare un colosso virale come TikTok.