TimGate
header.weather.state

Oggi 14 agosto 2022 - Aggiornato alle 01:00

 /    /    /  Ecco come Google renderà più sicuri Documenti, Fogli e Presentazioni
Ecco come Google renderà più sicuri Documenti, Fogli e Presentazioni

- Credit: Elle Cartier / Unsplash

APP30 aprile 2022

Ecco come Google renderà più sicuri Documenti, Fogli e Presentazioni

di Samuele Ghidini

Dopo aver  giàintrodotto la novità su Drive, Big-G mostrerà un banner avvisando gli utenti in caso di file dannosi

Google, per tenere il passo con i tempi e rispondere efficacemente alle nuove minacce informatiche, da tempo vara misure di sicurezza aggiornate: questa volta a beneficiarne, con appositi avvisi relativi a file potenzialmente pericolosi, sono i Documenti (Docs), i Fogli e le Presentazioni. Una novità che era già stata introdotta da Big-G per i file salvati su Google Drive, che certifica il costante impegno del colosso di Mountain View per proteggere i propri utenti. La società guidata da Sundar Pichai, infatti, oltre a Drive e alla novità è sempre più concentrata sul lancio di molteplici e includono anche il Play Store, dal quale Google ha già rimosso 1 milione di app potenzialmente dannose.

 

Il nuovo strumento ha una dinamica di funzionamento davvero semplice e completamente automatizzata per l’attivazione, senza interventi manuali e conseguenti rischi di errori da parte di amministratori (per le imprese) e utenti finali. Infatti, tutte le volte che si aprirà un file Docs, Sheets o Slides da  browser Internet, Big-G in caso di potenziali rischi avvertirà gli utenti con apposito banner dedicato e illustrativo delle problematiche potrebbero essere sorte.

 

- LEGGI ANCHE - Google, con Docs si potranno scrivere email e inviarle da Gmail

- E ANCHE - Google: ecco l’IA per scrivere commenti “corretti” nei Documenti

 

La funzionalità, che come detto è disponibile nella medesima maniera su Drive da fine gennaio, è in fase di rilascio con tempistiche identiche per gli utenti di Google Workspace e G Suite (Basic e/o Business), e se non compare ancora entro metà maggio 2022 il rollout dovrebbe essere completato per tutti.

 

L’obiettivo di Google, ora esteso alle app fruibili in cloud, è avvertire per tempo gli utenti e aumentare la loro consapevolezza nel riconoscere la presenza di malware, ransomware e phishing, sempre senza richiesta di passaggi manuali per attivarla.