TimGate
header.weather.state

Oggi 21 maggio 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  google dipendenti smart working luglio 2021
Google, dipendenti in smart working fino a luglio 2021

- Credit: iStock

TECNOLOGIA28 luglio 2020

Google, dipendenti in smart working fino a luglio 2021

di Federico Bandirali

Decisione del CEO Sundar Pichai che coinvolge 200mila dipendenti. Ecco perché...

 

Google ha deciso di far lavorare 200mila dipendenti a tempo pieno in smart working fino luglio 2021, come riferito dal Wall Street Journal. Una scelta comune ad altre big tech statunitensi, che hanno elaborato piani a lungo termine per permettere ai dipendenti di lavorare da casa in virtù dell’emergenza sanitaria globale causata dalla pandemia da coronavirus SARS-CoV-2.

 

- LEGGI ANCHE - Google “regala” ai dipendenti un giorno extra di vacanze

- E ANCHE - Gli ultimi aggiornamenti sul coronavirus

 

Tuttavia, Big-G sarebbe la prima società - se si eccettuano Twitter e Square controllate da Jack Dorsey e Facebook (fino al termine del 2020) - ad aver esteso - se le indiscrezioni del WSJ verranno confermate - la "scadenza" per il lavoro da remoto al 2021.

 

- LEGGI ANCHE - I dipendenti di Twitter potranno lavorare da casa per sempre

- E ANCHE - Anche i dipendenti di Square potranno lavorare da casa “per sempre”

 

Secondo il WSJ , il CEO di Google (e della holding controllante Alphabet), Sundar Pichai, ha preso questa decisione dopo un lungo confronto telefonico con i dirigenti della società.

 

Con un portavoce di Mountain View a chiarire che, “per dare ai dipendenti la possibilità di pianificare il loro futuro prossimo con congruo anticipo”, Pichai ha esteso la possibilità di lavorare da casa su base volontaria e in tutto il mondo fino al 30 giugno 2021, per poi sottolineare come la mossa riguardi “tutti le mansioni che non necessitano di recarsi a lavorare in ufficio per espletare il lavoro”.

 

A motivare la decisione di Pichai, spiega il quotidiano finanziario americano, sarebbe stata soprattutto la volontà di venire incontro alle esigenze dei dipendenti con figli, che potrebbero dover affrontare un anno scolastico prevalentemente con lezioni da remoto.

 

In un primo momento, Big-G aveva fissato la riapertura dei propri uffici a capienza limitata per lo scorso 6 luglio, con rientro facoltativo per i dipendenti. Il predetto termine è stato sucessivamente rimandato a settembre 2020 (e poi a inizio 2021) vista l’impennata di contagi nella Baia di San Francisco (California).