TimGate
header.weather.state

Oggi 21 maggio 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  Google: dipendenti in smart working fino all’inizio del 2021
Google: dipendenti in smart working fino all’inizio del 2021

- Credit: iStock

TECNOLOGIA09 maggio 2020

Google: dipendenti in smart working fino all’inizio del 2021

di Redazione

Come Facebook, Big-G aprirà gli uffici a giungo solo per pochi lavoratori

Dopo Facebook anche Google ha deciso che la maggior parte dei propri dipendenti - a causa della pandemia da coronavirus e del distanziamento sociale per prevenire i contagi - lavoreranno in smart working per tutto il resto del 2020. Una modalità già utilizzata, ma che aveva come “scadenza” originale il primo giugno, con il CEO di Mountain View Sundar Pichai che ha preferito estenderne la durata preventivamente.

 

Per quanto riguarda gli uffici le prime riaperture sono previste per giugno, ma verrà chiesto di rientravi solo a coloro che sono sostanzialmente obbligati a farlo, con un “rafforzamento” delle misure di sicurezza e adottando quella che il numero uno di Big-G ha definito “esperienza diversa” con chiara allusione a come il virus SARS-CoV-2 cambierà le modalità di lavoro anche “in sede”.

 

Lo smart working, evidentemente, sarà la “nuova normalità” per molti lavoratori in tutto il mondo (ovviamente non solo di Google) in un anno tristemente segnato dalla pandemia.

 

- LEGGI ANCHE - Gli ultimi aggiornamenti sul coronavirus

 

Lecito attendersi, dunque, che Google e Facebook non siano le uniche due big tech a scegliere di far lavorare i dipendenti da casa e tenere gli uffici sostanzialmente chiusi, con altri colossi statunitensi della tecnologia che dovrebbero seguire “l’esempio” a breve.