TimGate
header.weather.state

Oggi 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 07:00

 /    /    /  Su Google Meet in arrivo gli sfondi immersivi
Su Google Meet in arrivo gli sfondi immersivi

- Credit: Dollar Gill / Unsplash

APP22 novembre 2021

Su Google Meet in arrivo gli sfondi immersivi

di Simone Colombo

Con cambio a seconda di variabili quali meteo, ora e luogo da cui ci si collega. Ecco come funzionano

Per i tanti ancora alle prese con lo smart working, parziale o totale, la piattaforma Google Meet è diventata una risorsa fondamentale con la quale confrontarsi tra colleghi in tempo reale. Big-G, sempre al lavoro sul servizio, ora ha deciso di rendere più “naturale” la user experience sebbene, evidentemente, le interazioni avvengano da remoto senza condivisione reale di uno spazio fisico.

 

In quest’ottica, il colosso di Mountain View ha aggiunto a Meet quelli che la stessa società ha definito “sfondi immersivi”, traduzione letterale di immersive backgrounds. Cosa sono? Banalmente, non solo immagini e video che vengono mostrati come sfondo alle spalle dell’utilizzatore, bensì luoghi virtuali “dinamici” che, a seconda di variabili come meteo e luminosità nonché orario e località da cui ci si collega, cambiano spesso.

 

“Stiamo aggiungendo cinque nuovi sfondi immersivi per Google Meet sul Web, che offrono un’animazione impercettibile per dare vita allo sfondo o cambiare l’illuminazione. Quelli della caffetteria e del condominio avranno diverse iterazioni, con la neve o con la pioggia, così da aiutare i membri dei team distribuiti a meglio rappresentare l’orario e il clima del luogo in cui si trovano”, ha spiegato Google.

 

- LEGGI ANCHE - Google Meet avvertirà chi causa eco durante le chiamate

- E ANCHE - Google Meet avrà una nuova interfaccia grafica da PC

 

Il rilascio della nuova funzionalità è già stato avviato, ma come consuetudine prima che diventi disponibile per tutti occorreranno almeno quindici giorni. I primi a riceverla, al solito, saranno gli utenti con account Workspace o profili G Suite Basic, nonché i clienti Business.

 

Con un’altra novità, ovvero la possibilità di ospitare riunioni fino ad un massimo di 500 partecipanti. Affollate è dire poco, e la gestibilità del nuovo limite evidentemente suscita qualche perplessità. Anche se per lezioni o seminari, potrebbe rivelarsi davvero molto utile.