TimGate
header.weather.state

Oggi 09 agosto 2022 - Aggiornato alle 00:00

 /    /    /  Google Meet: stop alle notifiche quando lo schermo è condiviso
Google Meet: stop alle notifiche quando lo schermo è condiviso

- Credit: Google

APP27 gennaio 2021

Google Meet: stop alle notifiche quando lo schermo è condiviso

di Redazione

A condivisione attivata, il servizio non le mostrerà in automatico. Soluzione per tutelare maggiormente la privacy

Google, dopo una breve pausa in concomitanza con le festività natalizie, da gennaio 2021 ha ripreso a lanciare novità per la piattaforma di videoconferenze Meet. L’ultima modifica in arrivo, in realtà, è strettamente collegata a Chrome, il browser di Big-G. Molto semplicemente, quando l’utente deciderà di attivare la condivisione dello schermo in una call, la piattaforma senza necessità di eseguire alcuna azione sospenderà automaticamente la visualizzazione di tutte le notifiche, da quelle delle chat fino alle mail in arrivo, per poi riattivarle una volta finito di condividere lo stesso schermo con altri.

 

- LEGGI ANCHE: Google Meet: tre novità per creare riunioni più facilmente

- E ANCHE: Com'è la nuova versione del browser Chrome

 

L’intenzione, palese, è garantire più privacy agli utenti facendo in modo che gli altri partecipanti alla riunione, anche solo per sbaglio, possano visualizzare notifiche (e quindi informazioni personali, più o meno riservate) di un altro utente.

 

Da evidenziare come non si tratti di una rivoluzione ma di un semplice aggiornamento, visto che su Google Meet la stessa cosa accade da mesi quando si decide di condividere una scheda tra quelle aperte nel browser Chrome.

 

- LEGGI ANCHE: Due novità per Google Meet: sottotitoli in tempo reale e Quick Access

- E ANCHE: Google Meet: disponibili i report e il contatore dei partecipanti

 

Nessuno stravolgimento e nemmeno un cambiamento epocale, dunque, ma solo un ulteriore miglioria tecnicamente “invisibile” ma molto utile per tutelare sempre più la privacy degli utenti del servizio, cresciuto in tempi record complice la pandemia al pari dei competitor di altre big tech.

 

Pandemia che ha “forzato” un nuovo approccio al lavoro e allo studio drasticamente diverso rispetto al passato, incentivando l’utilizzo su larghissima scala di Google Meet e ad altre soluzioni per la condivisione dello schermo.

 

- LEGGI ANCHE: Su Google Meet ora è disponibile l’alzata di mano

- E ANCHE - Su Google Meet un nuovo strumento per la didattica a distanza

 

“Speriamo che questa (novità, ndr) riduca le distrazioni ed eviti la visualizzazione accidentale di informazioni sensibili o personali durante la condivisione dello schermo”, il commento di Big-G sul blog ufficiale. In realtà, però, si può ancora decidere di visualizzare le notifiche a schermo condiviso con un semplice click sull’apposita opzione.

 

Mountain View ha già avviato il lancio della novità, ed entro fine gennaio tutti gli utenti potranno beneficiarne senza distinzioni tra account gratuiti e a pagamento anche se per i più “audaci” è possibile anticipare i tempi con una serie di procedimenti da “smanettoni”, sconsigliati visto che la novità sarà disponibile a breve.