TimGate
header.weather.state

Oggi 18 agosto 2022 - Aggiornato alle 09:41

 /    /    /  Google Meet: Tile View disponibile con l’app per iPhone e Android
Google Meet: Tile View disponibile con l’app per iPhone e Android

- Credit: Google

APP13 marzo 2021

Google Meet: Tile View disponibile con l’app per iPhone e Android

di Redazione

La soluzione che consente di visualizzare più partecipanti a una riunione contemporaneamente arriva su smartphone

Le piattaforme per riunioni virtuali in ambito lavorativo e didattica a distanza, quasi inutile ripeterlo, causa pandemia sono diventate parte della routine quotidiana per miliardi di persone in tutto il globo. Pertanto non stupisce che le società tecnologiche che offrono i predetti servizi, lavorino incessantemente per migliorarli e andare incontro alle necessità degli utenti dando vita una sorta di “sfida a distanza” tra piattaforme diverse.

 

In quest’ottica Mountain View non sta lesinando sforzi, con il team dedicato allo sviluppo di Google Meet a lanciare l’ennesima novità che, in questo caso, riguarda le app per dispositivi mobili Android e iOS, capaci d’ora in avanti di supportare la “Title View” su smartphone e iPhone.

 

- LEGGI ANCHE: Su Google Meet un nuovo strumento per la didattica a distanza

- E ANCHE: I servizi gratuiti di Google per la scuola a distanza

 

La Title View molto semplicemente è l’interfaccia grafica “a griglia” - già introdotta da tempo nella versione per PC di Meet – attraverso cui è possibile visualizzare sullo schermo un numero considerevole di partecipanti alle riunioni contemporaneamente.

 

Per ora, come specificato da Google, la novità riguarda i possessori di iPhone, mentre in un futuro non meglio definito sarà disponibile anche per Android. Su iOS (e in futuro su device Android) la soluzione permette di vedere un massimo di otto partecipanti nello stesso schermo, con tanto di nome (da qui Title) mostrato all’interno dell’apposito riquadro.

 

Una novità che segue di poco l’introduzione di una funzione dedicata al mondo della scuola che permette agli studenti di registrare (a determinate condizioni) le lezioni virtuali, in attesa di altri aggiornamenti del servizio che Google non tarderà a rilasciare.