TimGate
header.weather.state

Oggi 25 settembre 2022 - Aggiornato alle 13:00

 /    /    /  Il “ritorno” di Google Reader per Chrome su dispositivi Android
Il “ritorno” di Google Reader per Chrome su dispositivi Android

- Credit: Avi Richards / Unsplash

TECNOLOGIA12 ottobre 2021

Il “ritorno” di Google Reader per Chrome su dispositivi Android

di Federico Bandirali

Big-G ripropone gli RSS integrandoli nella funzione sperimentale “Discover” dal suo browser. Ecco come funziona

Google, tra i tanti progetti lanciati e poi accantonati, sembrava aver definitivamente abbandonato anche quello relativo a “Google Reader”, lasciando un po’ basiti e stupefatti utenti e addetti ai lavori per una chiusura apparsa frettolosa in un periodo nel quale gli RSS continuavano (e continuano) ad essere in qualche modo utili. I social, infatti, oltre a non rappresentare l’evoluzione darwiniana del servizio, non si prestano nemmeno a prenderne il posto con modalità differenti, con Big-G a lasciare un vuoto mai colmato e le prime voci di una marcia indietro nel merito risalenti al febbraio 2021.

 

- LEGGI ANCHE - Google integrerà una nuova versione di Reader su Chrome?

- E ANCHE - Chrome, in arrivo Journeys e un pannello laterale per le ricerche

 

Adesso, trascorsi alcuni mesi, il colosso di Mountain View ha deciso di tornare davvero - almeno in parte - sui propri passi, ammettendo implicitamente di aver commesso uno sbaglio nel “pensionare” Google Reader quando i tempi non erano maturi, ed era più logico pensare a come far evolvere in modo diverso gli RSS.

 

Invero, però, Big-G non farà resuscitare davvero Reader, dando però un nuovo ruolo e conseguente visibilità agli RSS, prendendo gli elementi di valore degli stessi per ridare agli utenti un servizio utile anche per la stessa società.

 

Non riproponendo quanto offerto con il vecchio Google Reader, bensì con un progetto sperimentale per il browser Chrome nella sua versione Android, riservato a pochi tester ma accessibile per chiunque lo voglia.

 

Infatti, la novità oltre a non riprendere in toto Google Reader, non è nemmeno un contenitore di feed RSS e non intende proporsi in questo modo neanche in futuro. Ma la nuova funzione “Follow”, se accolta bene dagli utenti, ha tutto per assumere un ruolo rilevante e raccogliere consensi e utenti.

 

Per attivare la nuova funzione occorre anzitutto collegarsi alla pagina web “chrome://flags” con Google Chrome da dispositivo Android, per poi cercare “Web Feed” e attivarla. Fatto ciò, l’unica cosa che resta da fare è collegarsi ai siti che si consultano di più, cercare e pigiare “segui” nella schermata laterale destra dove ci sono opzioni quali “preferiti”, “schede recenti” e via dicendo.

 

Fatto ciò con un sito specifico, lo stesso popolerà di suoi contenuti la sezione “Discover” che compare aprendo una nuova scheda con Chrome. In questo modo, quindi, Discover assume il ruolo di “nuovo Google Reader”, permettendo di gestire le fonti preferite ritrovandole ordinate nella nuova tab “Seguiti”, che si propone quale alternativa ai suggerimenti automatici del browser di Big-G.

 

I passaggi futuri non sono ancora delineati, ma se la sperimentazione in corso dovesse fornire riscontri positivi al colosso di Mountain View, passare dalla ricomparsa dell’opzione “Seguici” sui siti (o da un sistema per organizzare gli RSS) il passo è breve. A patto, ovviamente, che i tester apprezzino la metamorfosi non molto kafkiana di Google Reader.