TimGate
header.weather.state

Oggi 12 agosto 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  Google, il tema scuro delle Ricerche sarà ancora più scuro
Google, il tema scuro delle Ricerche sarà ancora più scuro

L'attuale tema scuro "grigio" nelle ricerche- Credit: Screenshot redazionale

INTERNET23 febbraio 2022

Google, il tema scuro delle Ricerche sarà ancora più scuro

di Samuele Ghidini

Diventando di fatto completamente nero, anche se per ora si tratta di una soluzione sperimentale. Ecco i dettagli

 

Il tema scuro o dark mode, negli ultimi anni si è affermato prepotentemente come moda, oltre a rappresentare un sistema per allungare la durata delle batterie dei dispositivi e portare benefici alla vista complice il minor affaticamento degli occhi. Per gli amanti, sarà presto disponibile una novità che rende lo scuro ancora più scuro sulla pagina principale delle ricerche di Google: il tema nero. La novità, ovviamente, non è di quelle rivoluzionarie, ma non è nemmeno prettamente riguardante il look per i motivi sopracitati, soprattutto con smartphone sempre più potenti e display in altissima risoluzione che logorano velocemente la durata della batteria.

 

Il nuovo tema nero di Big-G, infatti, è nero in tutti i sensi, comportando il totale spegnimento dei pixel e, di conseguenza, riducendo drasticamente i consumi. La nuova opzione cromatica, ad ogni modo, in una prima fase dovrebbe essere disponibile solo nella versione web della pagina principale delle Ricerche di Google, spazzando via il grigio scuro introdotto solo lo scorso settembre.

 

- LEGGI ANCHE - Google, ecco il tema scuro “ufficiale” per le ricerche da PC

- E ANCHE - Modalità scura in arrivo per l’app Ricerche di Google

 

In aggiunta, altri colori come quelli dei link e dei siti già visitati, avranno nuovi colori più accattivanti, riconoscibili e, non meno importante, capaci di catturare subito lo sguardo, con tinte “forti” e più marcate.

 

Non è dato sapere se il tema scuro attuale rimarrà come opzione o sarà sostituito dal “total black”, anche perché al momento la novità è disponibile per un numero ristretto di utenti e non collegata a specifici sistemi operativi. A riprova del fatto che si tratta di una fase di test, con Big-G che deciderà poi tempi e modi dell’eventuale lancio globale o, in caso contrario, di restare con la dark mode già presente nelle Ricerche.