Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 19 aprile 2021 - Aggiornato alle 16:19
Live
  • 16:30 | "Sindrome di Stendhal" di Emanuele Aloia è su TIMMUSIC
  • 16:30 | Travis Barker e la dedica a Kourtney Kardashian
  • 16:11 | “Hermitage” è il nuovo album dei Moonspell, l’intervista
  • 16:10 | Spazio, l'elicottero Ingenuity della Nasa ha volato su Marte
  • 15:35 | Cos'è "Bauli in piazza" e chi sono gli artisti che hanno aderito
  • 15:35 | I giorni decisivi del Recovery Plan (Pnrr)
  • 15:20 | Quali tipi di plastica si possono riciclare?
  • 15:17 | I coreografi dei vip: chi sono i più famosi
  • 15:12 | 10 segnali per capire se le piaci
  • 15:05 | Lo smart working fa bene all'ambiente, dati e vantaggi
  • 15:03 | Perché si chiamano “soap opere”?
  • 14:55 | Kate Middleton è la vera erede del principe Filippo
  • 14:53 | Fabrizio De André, quali sono le canzoni più amate
  • 14:40 | Kanye West vorrebbe frequentare un’artista
  • 13:31 | L'apprensione internazionale per Navalny
  • 13:30 | Un terremoto scuote il calcio: ecco che cos'è la Super League
  • 13:05 | Economia italiana, la scommessa di Draghi sulla crescita
  • 13:00 | Paul McCartney, 12 artisti reinterpretano il suo ultimo album
  • 12:31 | L'iceberg più grande del mondo si è sciolto
  • 12:15 | Amici 20, i fan intervistano Martina: il video in esclusiva per TIM
Google Drive, i limiti di archiviazione slittano a febbraio 2022 - Credit: Eaters Collective / Unsplash
TECNOLOGIA 7 aprile 2021

Google Drive, i limiti di archiviazione slittano a febbraio 2022

di Redazione

Ma non per Foto con la soglia dei 15 GB attiva dal 1° giugno. Scelta “per rispondere” alle esigenze degli utenti

Google, come noto, ha avvisato gli utenti rispetto a nuove limitazioni per lo spazio di archiviazione offerto in cloud da Big-G a far data dal 1° giugno 2021.

Una scadenza che, adesso, continuerà a interessare la riduzione della memoria disponibile in cloud a partire da quella data per Google Foto (15 GB, non retroattiv), ma che entrerà in vigore per gli altri servizi offerti da Mountain View come i Documenti e altri servizi che sfruttano i salvataggi su Google Drive il 1° febbraio 2022.

 

- LEGGI ANCHECloud, che cos’è e a cosa serve

- E ANCHE - Il cestino di Google Drive si svuoterà da solo dopo 30 giorni

 

È risaputo che Google Foto, dal 1° giugno, non consentirà di archiviare in drive foto in alta definizione senza che questo tocchi lo spazio disponibile per ciascun account, con immagini e video che da quella data saranno calcolati nello spazio di archiviazione messo a disposizione da Big-G.

Il medesimo termine era stato fissato anche per i file di Google Documenti, Fogli, Presentazioni, Disegni, Moduli e Jamboard. Ora, invece, quanti utilizzano Google Workspace potranno caricare liberamente e senza limite alcuno i file fino al 1° febbraio 2022.

 

Successivamente e salvo ulteriori proroghe, lo spazio occupato dai diversi file “peserà” su quello di archiviazione in cloud gratuito offerto da Mountain View, e per poterlo “sforare” diverrà necessario acquistare altri GB sottoscrivendo l’abbonamento a Google One.

 

La società guidata da Sundar Pichai, pur senza dilungarsi troppo, ha motivato la decisione. Come? Secondo Google la mossa è mirata ad assicurare una migliore esperienza di utilizzo oltre a venire incontro alla domanda, in crescita costante, di spazio di archiviazione in cloud (4,3 milioni di GB caricati quotidianamente).

 

Il limite non impatterà sui file già salvati nel servizio, a condizione che gli stessi non siano aggiornati dopo il 1 febbraio 2022. Google offrirà agli amministratori di reti aziendali anche uno strumento per la gestione dello spazio di archiviazione, utile per poter visualizzare quello occupato e, se necessario, darne o toglierne ai singoli utenti.

I più visti

Leggi tutto su News