TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 15:00

 /    /    /  Google Workspace, in arrivo diverse novità: ecco quali sono
Google Workspace, in arrivo diverse novità: ecco quali sono

- Credit: Google Workspace

APP17 febbraio 2022

Google Workspace, in arrivo diverse novità: ecco quali sono

di Federico Bandirali

La suite che include Docs e Sheets semplificherà la collaborazione da remoto grazie a IA e altri utili miglioramenti

Google sta inserendo nella suite Workspace una serie di novità, proseguendo nel lavoro per far evolvere i Docs iniziato lo scorso maggio con una serie di funzioni presentate in anteprima nell’annuale conferenza Google I/O del 2021. A brevissimo, infatti, tutti gli utenti Workspace avranno a disposizione diversi strumenti e accorgimenti che, per quanto apparentemente “piccoli”, consentiranno di velocizzare e di conseguenza migliorare lo svolgimento quotidiano delle mansioni lavorative per quanti utilizzano la suite.

 

Le nuove funzioni sviluppate da Big-G saranno lanciate in tutto il mondo, e riguarderanno oltre ai Documenti anche Sheets, Slides, Meet e, ben più importante, le interazioni tra le diverse soluzioni offerte nella suite e gli altri prodotti della società di Mountain View.

 

- LEGGI ANCHE - Google offrirà alle aziende un piano gratuito per Workspace

- E ANCHE - Google Workspace, avviata l’integrazione con Adobe Creative Cloud

 

Entrando nel dettaglio, le novità in questione sono l’evoluzione di quelle che tra gli addetti ai lavori sono chiamate “Smart Canvas”, soluzioni “intelligenti” sviluppate appositamente per facilitare e migliorare la collaborazione lavorativa e l’espletamento dei propri obblighi per quanti sono e saranno in smart working, nonostante l’andamento “positivo” della pandemia in questa fase dopo due anni a dir poco complessi.

 

Le novità più interessanti e utili sono le seguenti:

- Formato pageless, che permette di creare documenti non collegati al tradizionale formato di pagina ereditato dal cartaceo;

 

- Mappe embed attraverso il semplice uso del link da Google Maps: al passaggio del mouse si aprono delle “smart chip” che ne consentono la visualizzazione;

 

- Sommari generati in automatico dall’Intelligenza Artificiale, comunque poi modificabili manualmente ma comunque utili a velocizzare il processo di redazione degli stessi;

 

- Utilizzo di Docs per impaginare una email oltre a inviarla direttamente da Gmail senza accedervi;

 

- Digitando “@” saranno disponibili diverse nuove funzioni come la possibilità di citare eventuali collaboratori, aggiungere contenuti di vario tipo nella pagina e altre funzionalità visibili e accessibili nella loro totalità provando di persona.

 

In aggiunta, in un secondo tempo arriverà uno strumento di aiuto assolutamente rilevante e basato sull’Intelligenza Artificiale per compilare le caselle di Spreadsheet. La soluzione, infatti, suggerirà modifiche e correttivi per le formule complesse analizzando alcuni dei dati immessi e le potenziali intenzioni dell’utente in sede al momento di compilarle.

 

Infine, Docs, Sheets e Slides avranno un nuovo pulsante utile a condividere direttamente su Meet i file, che semplifica e rende la funzionalità più veloce da utilizzare con riflessi nella collaborazione di più utenti da remoto.

 

Per quanto concerne Google Drive, poi, la ricerca dei file su cui si sta lavorando grazie ad una nuova barra degli strumenti migliorerà e non poco. Con diversi filtri, infatti, la novità permetterà di cercare e individuare il documento d’interesse rapidamente, anche quando la memoria non aiuta e non si ha presente il nome attribuito.