Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 13 agosto 2020 - Aggiornato alle 13:50
Live
  • 13:21 | La rivolta delle donne a Minsk
  • 12:48 | Torino, ci si muove per Linetty
  • 12:33 | Discoteche e ritorni dai viaggi: misure anti-contagio
  • 12:30 | Ed Sheeran diventa papà
  • 12:28 | Come creare una zona barbecue in giardino
  • 12:22 | Tartaday: in Italia è la giornata in difesa delle tartarughe
  • 10:35 | SAFE WEB PLUS per navigare sicuri in rete
  • 10:35 | I giornali di giovedì 13 agosto
  • 10:00 | Mozzarella alla caprese
  • 09:00 | Nathalie Guetta: chi è la sorella di David Guetta
  • 09:00 | Chi è Alessandra Celentano, carriera e vita privata
  • 09:00 | Libeskind: chi è l'architetto della torre a Milano
  • 09:00 | A 11 anni apre un ristorante vegano
  • 09:00 | 10 tecniche di seduzione
  • 09:00 | Nel 2019 record di rifiuti elettronici
  • 07:30 | NBA: vittorie per OKC e Clippers, Indiana piega Houston
  • 23:51 | Grazie Atalanta, hai fatto sognare l’Italia
  • 23:10 | Champions, Beffa Atalanta, in semifinale ci va il Psg
  • 21:18 | Pavimenti impermeabili in laminato, il nuovo trend
  • 21:11 | Perché la chiusura delle discoteche è "l'ultima spiaggia"
Che cosa pensano gli italiani di Immuni - Credit: Vergani_Fotografia/Istockphoto
COVID-19 10 luglio 2020

Che cosa pensano gli italiani di Immuni

di Roberto Pianta

Sondaggio: la percentuale di soddisfatti, le motivazioni di chi non scarica l’app

 

L’istituto sondaggistico Swg ha chiesto agli italiani che cosa pensano di Immuni - l’app italiana realizzata per contenere il contagio da coronavirus - e ha reso pubblici i risultati. 

 

Che cosa pensano di Immuni gli italiani che l’hanno scaricata

 

Il 79% di coloro che hanno già scaricato l’app la valutano utile

 

- il 29% dice che finora l’app è stata “molto utile”;

 

- il 50% dice che è stata “abbastanza utile”;

 

Gli insoddisfatti sono solo il 21%:

- il 16% sostiene che per ora l’app gli è stata “poco utile”;

 

- il 5% risponde che l’app non è sta “per nulla utile”.

 

 

I motivi di chi ha scelto di non scaricare Immuni

 

I sondaggisti hanno intervistato anche coloro che hanno deciso di non scaricare l’app, chiedendo loro i motivi di questa scelta, e hanno poi pubblicato i dati dell’indagine.

Era possibile dare risposte multiple.

 

Il 44% degli intervistati dice di non avere scaricato l’app perché la ritiene poco efficace nel limitare il contagio.

 

Il 29% perché teme per la propria privacy.

 

Il 21% dice di non volerla scaricare per evitare di tenere acceso il bluetooth e il Gps.

 

Il 19% ha il timore di finire, a causa dell’app, in quarantena per sbaglio.

 

Il 9% ha paura che l’app faccia scaricare troppo in fretta la batteria.

 

L’8% non usa Immuni perché non ha ancora capito a che cosa l’app possa servire.

 

Un altro 8% non scarica Immuni perché non possiede uno smartphone adatto, o non ha uno smartphone (leggi qui per sapere quali sono gli smartphone adatti).

 

8% è anche la percentuale di coloro che non scaricano Immuni perché “molti ne parlano male”.

 

Il 7% risponde di non aver scaricato l’app perché “non la usa nessuno” e “se ne parla troppo poco”.

 

Solo il 3% ammette di non essere capace di scaricare l’app e attivarla.

 

- LEGGI ANCHE: La guida: come scaricare e attivare Immuni

 

Leggi tutto su News