TimGate
header.weather.state

Oggi 19 agosto 2022 - Aggiornato alle 22:43

 /    /    /  Instagram ha lanciato i “limiti” per contrastare offese e bullismo
Instagram ha lanciato i “limiti” per contrastare offese e bullismo

- Credit: Prostock-studio/Envato

SOCIAL NETWORK11 agosto 2021

Instagram ha lanciato i “limiti” per contrastare offese e bullismo

di Federico Bandirali

Ecco come funzionano le novità per filtrare o bloccare commenti e messaggi molesti

Instagram insiste nel cercare soluzioni contro il bullismo e, più in generale, atte ad evitare i commenti offensivi ai post. Così, da mercoledì 11 agosto 2021, la piattaforma mette a disposizione degli utenti un nuovo strumento di moderazione su scala globale ribattezzato “limiti”. La nuova funzionalità, consentirà dunque a tutti i profili (pubblici e privati) di nascondere automaticamente commenti e/o richieste che arrivano da soggetti ignoti o che hanno da poco iniziato a seguirli.

 

- LEGGI ANCHE - Instagram: nuovi strumenti per la privacy e contro il bullismo

- E ANCHE - Instagram contro il bullismo: arriva l’opzione “Silenzia”

 

Inoltre, il social guidato da Adam Mosseri, invierà notifiche assai più dure delle attuali a quanti pubblicano e condividono commenti anche solo potenzialmente offensivi, insieme ad un nuovo filtro ribattezzato “parole nascoste” che, se attivato, filtra i post offensivi che contengono vocaboli “chiave”.

 

Proprio Mosseri, commentando la novità, ha voluto precisare come Instagram abbia “la responsabilità di assicurarci che tutti si sentano al sicuro sul social. Non accettiamo discorsi d’odio o bullismo sulla piattaforma, e li rimuoviamo ogni volta che li troviamo”.

 

“Vogliamo anche proteggere le persone preventivamente, ovvero prima ancora che possano essere vittime di forme di abusi”, ha quindi aggiunto il numero uno della piattaforma che, come noto, fa parte dell’ecosistema di Facebook

 

La decisione di introdurre i “limiti”, come chiarito dallo stesso Mosseri, è frutto dell’interazione “con creatori e e personaggi pubblici che a volte si ritrovano a dover gestire improvvisi picchi di commenti e richieste di Messaggi Diretti da persone che non conoscono. Spesso si tratta di messaggi di apprezzamento e supporto, ma in alcuni casi può essere sintomo di un’ondata di commenti negativi o messaggi indesiderati”.

Venendo alla pratica, ogni qualvolta un utente provi a postare un commento potenzialmente offensivo, il social mostra una sorta di avvertimento. Ripetendo l’operazione, la notifica inviata da Instagram diventa sempre più “dura”. Almeno fino a prima della novità, visto che d’ora in poi già al primo tentativo scatteranno le maniere forti.

 

Le “parole nascoste”, invece, altro non sono che un filtro con cui celare in automatico un set di parole, frasi ed emoji potenzialmente o realmente offensivi all’interno di una cartella nascosta ed inviolabile anche per l’utente che la “conserva”.

 

“Abbiamo ampliato la lista di parole potenzialmente offensive, hashtag ed emoji che filtriamo automaticamente dai commenti e continueremo a tenerla aggiornata”, ha infatti spiegato Mosseri.

 

Attivare la funzionalità richiede poco tempo e semplici passaggi, ma prima che la stessa risulti attiva sul proprio dispositivo può essere necessario attendere. Motivo? Il lancio globale della novità interessa miliardi di utenti.

 

Ad ogni modo, quando si entra nel proprio profilo, è sufficiente selezionare il menu impostazioni in nella parte superiore destra, per poi accedere al sottomenu che riguarda la privacy. Fatto ciò, nella sezione dedicata alle interazioni basterà cliccare sulla voce “parole nascoste” o su quella “limiti” per attivare il filtro, la nuova funzionalità o entrambe le novità.

 

In questo modo si potrà decidere se e come limitare i commenti ai propri post e i DM da tutti i profili che non seguono l’utente, solo dai nuovi follower o, nel caso, da entrambe le categorie, stabilendo anche la durata del blocco.