TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 23:36

 /    /    /  Instagram, avviati negli Usa i test per gli abbonamenti a pagamento
Instagram, avviati negli Usa i test per gli abbonamenti a pagamento

- Credit: @Williamtm / Unsplah

SOCIAL NETWORK20 gennaio 2022

Instagram, avviati negli Usa i test per gli abbonamenti a pagamento

di Federico Bandirali

In modo che i creatori possano offrire contenuti e funzionalità esclusive agli utenti che li sottoscrivono. Ecco come

Gli utenti statunitensi di Instagram potranno presto seguire - previa iscrizione con abbonamento - un ristretto numero di creatori e influencer accedendo a contenuti e funzionalità esclusivi. In un post sul blog ufficiale, la società guidata da Adam Mosseri afferma infatti di aver avviato i test in questione il 19 gennaio 2022, annunciando inoltre che nelle settimane a venire verranno coinvolti più creatori.

 

- LEGGI ANCHE - Instagram potrebbe introdurre i link a pagamento nelle didascalie

- E ANCHE - Instagram sta pagando i creatori per postare Reels

.

I fan pagheranno così una quota mensile per accedere ai contenuti riservati agli abbonati dei creatori che seguono, come Lives e Stories esclusivi. Gli abbonati riceveranno anche un badge viola apposto sul rispettivo nome utente per indicare che il loro status di creatori di contenuti.

 

I vari piani avranno costi compresi tra uno e cento dollari al mese, con i creatori liberi di stabilire il prezzo per gli abbonamenti, stabilendone l’importo all’interno del predetto range. Il co-responsabile del prodotto di Instagram. Ashley Yuki, interpellato dal sito Usa TechCrunch, ha inoltre chiarito che il social non tratterà una quota dei ricavi dei creatori – ovvero le commissioni - “almeno fino al 2023”.

 

“Sono entusiasta di continuare a creare strumenti per i creatori di contenuti utili a guadagnarsi da vivere facendo lavoro creativo, e di mettere presto questi strumenti nelle mani un numero sempre maggiore di creators”, ha scritto in un post su Facebook il CEO di Meta Mark Zuckerberg, proprietaria della piattaforma.

 

In un video, il CEO di Instagram Adam Mosseri afferma inoltre che gli abbonamenti sono “uno dei modi migliori” per avere un reddito costante e prevedibile a disposizione di influencer e creatori, sebbene alcuni di loro abbiano già monetizzato alcune funzionalità di Instagram come Close Friends, addebitando ai fan una tariffa da corrispondere fuori dal social per accedere alle loro Storie.

 

Instagram e Facebook non sono le uniche aziende a lanciare modelli di abbonamento per competere con piattaforme come TikTok, Nel 2021, infatti, Twitter bruciato gli altri sul tempo lanciando i Super Follows, mentre diversi creators offrono contenuti extra al di fuori di Instagram (e degli altri social), appoggiandosi a piattaforme terze come, ad esempio, Patreon e Substack.