TimGate
header.weather.state

Oggi 14 agosto 2022 - Aggiornato alle 12:00

 /    /    /  Instagram: disponibili su scala globale gli NFT, ma non in Europa
Instagram: disponibili su scala globale gli NFT, ma non in Europa

- Credit: Gabriele Holtermann / Ipa / Fotogramma

SOCIAL NETWORK05 agosto 2022

Instagram: disponibili su scala globale gli NFT, ma non in Europa

di Samuele Ghidini

Ad annunciare l'esordio globale dei token il numero uno di Meta, Mark Zuckerberg, con un post 'a tema'

Dopo i test avviati lo scorso maggio, esclusivamente negli Usa, Instagram ha chiuso la fase di sperimentazione e si avvia a introdurre in tutto il mondo gli NFT sulla piattaforma. Il debutto della nuova funzionalità riguarda più di 100 Paesi in Africa, Asia, Medio America e Medio Oriente, mentre per vedere i token non fungibili sul social in Europa bisognerà aspettare ancora.

 

Ad annunciare la novità direttamente il numero uno e fondatore di Meta, Mark Zuckerberg, con un post dove si vedono un bambino che indossa la divisa della propria squadra di baseball, anticipando l'intenzione di Zuck di trasformare quel contenuto in  un Non-Fungible Token.

 

- LEGGI ANCHE - Instagram: in arrivo "a breve" anche gli NFT

- E ANCHE - Perché Instagram inizierà a testare gli NFT

 

'In onore dell'espansione degli NFT digitali collezionabili a più di 100 paesi su Instagram, e lanciando nuove integrazioni con Coinbase e Dapper, condivido la mia vecchia card della lega di baseball dei piccoli, che presto sarà un NFT. Qualcuno, di recente, l'ha trovata e me l'ha inviata", le parole usate da Zuckerberg.

 

- LEGGI ANCHE - Cosa sono gli Nft e perché valgono un sacco di soldi

- E ANCHE - Su eBay ora si possono comprare anche i cimeli digitali “NFT”

 

Con Meta ad ampliare il numero di criptovalute e blockchain utilizzabili sulle sue piattaforme, lanciando gli NFT in una fase storica che, dopo l'ascesa di inizio anno, stanno registrando un 'rallentamento' e un calo di interesse. In questo, l'integrazione su una piattaforma globale con miliardi di utenti, potrebbe essere la spinta per la ripresa dei token non fungibili.