TimGate
header.weather.state

Oggi 12 agosto 2022 - Aggiornato alle 11:07

 /    /    /  Instagram proteggerà maggiormente gli adolescenti: ecco come
Instagram, maggiori protezioni per gli adolescenti: ecco quali

- Credit: Erik Lucatero / Unsplash

SOCIAL NETWORK11 ottobre 2021

Instagram, maggiori protezioni per gli adolescenti: ecco quali

di Federico Bandirali

Due nuove funzioni in arrivo dovrebbero allontanare i giovanissimi da contenuti potenzialmente "pericolosi"

Instagram introdurrà nuove misure per tutelare e tenere lontani gli adolescenti dai contenuti dannosi e incoraggiarli a "prendersi una pausa" dalla piattaforma, ha dichiarato il vicepresidente degli affari globali di Facebook Nick Clegg. “Introdurremo qualcosa che penso farà una notevole differenza, ovvero dove i nostri sistemi vedono che un adolescente guarda lo stesso contenuto più e più volte, ed è un contenuto che potrebbe non essere favorevole al loro benessere, li ‘spingeremo’ (con la funzione ‘nudge’) a guardare altro”, ha detto Clegg ai microfoni della CNN.

 

Aggiungendo che oltre a sospendere i piani per realizzare la piattaforma Instagram Kids e dare ai genitori controlli opzionali per supervisionare gli adolescenti, la società ha pianificato di “introdurre una funzione ribattezzata ‘take a break’ (prenditi una pausa) con cui inviteremo gli adolescenti a prendersi semplicemente una pausa quando usano troppo Instagram”.

 

- LEGGI ANCHE - Instagram: in arrivo una nuova versione per i minori di 13 anni

- E ANCHE - Per continuare a usare Instagram si dovrà indicare la data di nascita

 

Clegg non ha fornito una sequenza temporale per il lancio delle due funzionalità, ma un portavoce del social guidato da Adam Mosseri – che aveva già accennato ad un esplorazione di una soluzione simile a settembre - ha dichiarato che le funzionalità “non sono ancora state testate ma lo saranno presto”.

 

“Abbiamo annunciato che stiamo esplorando due nuove idee: incoraggiare le persone a guardare altri argomenti se si soffermano su contenuti che potrebbero contribuire a un confronto sociale negativo e una funzionalità chiamata provvisoriamente ‘Fai una pausa’, in cui le persone potrebbero mettere il loro account in pausa e prendersi un momento per valutare se il tempo che stanno spendendo (sul social, ndr) è troppo”, le parole esatte usate a suo tempo da Mosseri.

 

Che ora vede le due novità iniziare a prendere forma, anche e soprattutto in risposta a critiche sugli effetti che un utilizzo prolungato del social avrebbe sui più giovani. Da rivalutare, visto che la questione ha assunto contorni legali senza lasciar spazio ad uleteriori supposizioni dopo la contestazione delle stesse da parte del "grande capo" Mark Zuckerberg.