TimGate
header.weather.state

Oggi 13 agosto 2022 - Aggiornato alle 02:00

 /    /    /  Il decimo compleanno di LinkedIn Italia: ora ha 16 milioni di utenti
Il decimo compleanno di LinkedIn Italia: ora ha 16 milioni di utenti

- Credit: Sergei Konkov / IPA / Fotogramma

SOCIAL NETWORK01 dicembre 2021

Il decimo compleanno di LinkedIn Italia: ora ha 16 milioni di utenti

di Simone Colombo

Il social “lavorativo” è sbarcato nel Belpaese nel 2011 e aveva 2 milioni di utenti. Oggi sono il 2% del totale mondiale

LinkedIn Italia ha spento dieci candeline, assieme ai suoi sedici milioni di utenti italiani. Due lustri nei quali il social dedicato al lavoro, tra cambiamenti e ripensamenti, si è affermato come network professionale per eccellenza, connettendo virtualmente colleghi di lavoro, imprese, progetti e offrendo nuove occupazioni. Anni ricchi di complimenti, dopo un esordio quantomeno complesso.

 

- LEGGI ANCHE - Perché LinkedIn eliminerà le Storie entro fine settembre 2021

- E ANCHE - LinkedIn: novità per creator e PMI, dalle Storie al tasto Segui

 

A spegnere virtualmente con un soffio le dieci candeline Marcello Albergoni, responsabile della società per l’Italia: “Nel 2011 quando abbiamo aperto la sede italiana contava poco più di 2 milioni di utenti. Quello che annunciamo è un risultato eccezionale e un momento di grande orgoglio e soddisfazione che desidero condividere e festeggiare con tutto il network e il mio team. In questi 10 anni siamo riusciti a portare il nostro Paese ad avere oltre 16 milioni di professionisti presenti sulla piattaforma, aiutandoli non solo ad espandere il proprio network professionale, ma soprattutto a creare nuove opportunità di carriera, rispondendo alle richieste in costante evoluzione di aziende e recruiter”

 

Il county manager del social ha quindi precisato: “È proprio questa la missione di LinkedIn, collegare i professionisti di tutto il mondo per aumentare la produttività e il successo, la chiave vincente del nostro social network e la conferma del nostro forte impatto nel mondo del lavoro. L'impatto del network è inevitabilmente ampio: la community globale conta 800 milioni di partecipanti e nel nostro Paese sono soprattutto Milano, Roma e Torino le 5 città più rappresentate”.

 

“L'Italia è al terzo posto in Europa in termini di iscritti dietro a Regno Unito e Francia. I lavori più richiesti nel nostro Paese sono nei settori “Istruzione”, “Medici specializzati” ed “Esperti Digital Marketing”. Se si calcola che sono 25 milioni i lavoratori attivi in Italia, è chiaro come 16 milioni di iscritti siano una cifra estremamente significativa, inevitabilmente di impatto sul mondo professionale e sulle dinamiche di reclutamento", ha infine chiosato Albergoni.