TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  Le Storie di LinkedIn disponibili anche in Italia
Le Storie di LinkedIn disponibili anche in Italia

- Credit: Sergei Konkov / IPA / Fotogramma

SOCIAL NETWORK21 ottobre 2020

Le Storie di LinkedIn disponibili anche in Italia

di Federico Bandirali

Video di 20 secondi utili per informare i clienti e stimolare la socializzazione tra colleghi “distanti”

Le Storie di LinkedIn - dopo una lunga “gestazione” - sono disponibili anche in Italia, con i 14 milioni di utenti italiano del social dedicato alla sfera professionale e lavorativa che, d’ora in avanti, potranno pubblicare foro e video “effimeri” con scadenza nelle 24 ore successive esattamente come quelle di Instagram, Facebook e WhatsApp. Testate in Brasile, Paesi Bassi, Emirati Arabi Uniti, Australia e Francia, le nuove Storie sono sbarcate nel Belpaese martedì 20 ottobre con l’aggiornamento dell’app per dispositivi mobili, permettendo dunque a tutti di usare il nuovo format per pubblicare contenuti.

 

- LEGGI ANCHE - LinkedIn copia Snapchat e Instagram lanciando le Storie aziendali

- E ANCHE - LinkedIn non accederà più alla clipboard degli iPhone

 

 

Contrariamente agli altri social, le Storie di LinkedIn potranno durare al massimo 20 secondi, ma come consuetudine scompariranno dopo 24 ore. L’idea della società alla base dell’introduzione delle Storie è semplice, con tanto di foto e video corredati da testo e stickers per permettere agli utenti di interagire tra loro anche utilizzando la funzione “Domanda del giorno”.

 

“Vediamo le Storie come una naturale continuazione di una connettività più personale tra colleghi, e abbiamo già visto centinaia di migliaia di nuove conversazioni che si sono innescate tramite le storie”, ha chiarito Michele Pierri, News Editor di LinkedIn Italia.

 

La piattaforma dedicata al lavoro ha scelto di aggiungere questa soluzione come contrappeso alla diminuzione delle relazioni sociali tra colleghi vista la progressiva virata verso lo smart working. Che, accelerata dalla pandemia, ha spinto il social a lavorare alacremente per renderle disponibili come strumento di socializzazione.

 

Il senso è semplice: Storie da usare come surrogato virtuale per colmare la distanza fisica tra colleghi, con la condivisione di momenti e contenuti personali sulla piattaforma a espletare la mansione.

 

In realtà, però, le Storie hanno un doppio valore, e possono facilmente divenire un modo per tenere sempre informati e aggiornati gli utenti che rientrano nel mercato di riferimento delle società presenti su LinkedIn.

 

A spiegarlo lo stesso social, chiarendo che le Storie possono espletare anche questa funzione mediante interventi “pertinenti per i propri follower e il proprio pubblico, che si tratti di notizie importanti relative al proprio settore di riferimento, del lancio di nuovi prodotti, di approfondimenti relativi al mercato”.

 

Il dubbio che i contenuti effimeri su una piattaforma particolare come LinkedIn possano riscuotere poco successo resta, ma stante il lancio solo il tempo dirà se si tratta di mera e pessimistica supposizione o di una sorta di “preveggenza” collegata alle dinamiche con cui viene abitualmente utilizzata la piattaforma.