TimGate
header.weather.state

Oggi 07 luglio 2022 - Aggiornato alle 09:38

 /    /    /  Meta: in arrivo la crittografia end-to-end per i visori Quest
Meta: in arrivo la crittografia end-to-end per i visori Quest

- Credit: Austin Distel/Unsplash

HARDWARE19 maggio 2022

Meta: in arrivo la crittografia end-to-end per i visori Quest

di Samuele Ghidini

Meta ha annunciato l'avvio dei test per i servizi di messaggistica e chiamata dei suoi visori VR. Ecco i dettagli

 

 

Meta, che ha di recente rivelato la funzione per il parental control che a sarà introdotta nel visore Quest e aver pianificato il lancio di quattro dispositivi simili ma con specifiche evolute di altre 4 soluzioni per la Realtà mista (aumentata e virtuale) pensati per il metaverso, ha dato ufficialmente avvio ai test per introdurre la crittografia end-to-end nei servizi di messaggistica nei suoi visori VR attualmente in commercio. Un progetto la cui realizzazione è complessa, con l’obiettivo di garantire massima sicurezza a conversazioni e chiamate degli utenti.

 

- LEGGI ANCHE - Meta lancerà quattro visori per la realtà virtuale entro il 2024

- E ANCHE - Meta: ecco i primi dettagli del visore AR/VR in arrivo a fine 2022

 

Nello specifico, il colosso di Menlo Park ha rilasciato l’aggiornamento software per Oculus v40, iniziando subito dopo i test come spiegato in un post sul blog della società. Tuttavia, a parte l’introduzione della crittografia già presente su WhatsApp, il colosso fondato da Mark Zuckerberg non ha condiviso ulteriori dettagli sia rispetto al cronoprogramma che al numero di utenti che prenderanno parte ai test.

 

L’aggiornamento software, inoltre, include altre novità tra le quali opzioni aggiuntive per l’audio e il bilanciamento dello stesso, la modalità “mono” per sentire la medesima cosa sia nella cuffia di destra che in quella di sinistra, e altre soluzioni a tema.

 

Meta ha infine toccato la parte relativa ai pagamenti, ora effettuabili con carta di credito abilitata al 3DS in realtà virtuale – autorizzazione del 3DS inclusa -, in modo da permettere agli utenti di pagare in sicurezza senza necessità di togliersi il visore Quest o Quest 2. Anche se pagare un caffè indossando un visore sarebbe quantomeno stravagante.