TimGate
header.weather.state

Oggi 02 ottobre 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Metaverso: che cos’è e cosa significa
Metaverso: che cos’è e cosa significa

- Credit: Unsplash

CAPIRE LA TECNOLOGIA14 luglio 2022

Metaverso: che cos’è e cosa significa

di Federico Bandirali

Una spiegazione semplice e completa del ''mondo virtuale'' che rivoluzionerà Internet

Quando nell'autunno del 2021 il fondatore e numero uno di Facebook, Mark Zuckerberg, ha cambiato il nome della sua società, che ora si chiama Meta, ha fatto crescere interesse e curiosità rispetto all'evidente rimando al 'metaverso'.

 

Le origini del metaverso

Tuttavia, sebbene sembri un neologismo, la parola ‘metaverso’ trova origine in un romanzo di fantascienza di Neal Stephenson, che, nel 1992, ha coniato il termine nel libro Snow Crash per descrivere una sorta di mondo virtuale e parallelo a quello reale.

 

Successivamente, il metaverso è entrato anche nel mondo cinematografico grazie a Steven Spielberg con il famoso film Ready player one del 2018, ispirato all'omonimo romanzo di Ernest Cline pubblicato nel 2011. La trama narra di un futuro non troppo lontano nel quale tutti utilizzano soluzioni tecnologiche come visori, tute e particolari caschi per vivere nuove esperienze grazie alla realtà virtuale e a quella aumentata, senza soluzione di continuità con il mondo reale.

 

Già prima, però, il termine metaverso era entrato anche nel linguaggio di Internet grazie a Second Life: una sorta di social primordiale diventato celebre a inizio millennio che, grazie all'utilizzo dei computer, simula la vita reale in un mondo virtuale tridimensionale. Ai tempi, però, i dispositivi tecnologici non erano in grado di offrire esperienze immersive come accade attualmente, anche se Second Life invero esiste ancora.

Leggi anche >>> TIM porta Jovanotti nel metaverso

Cosa significa metaverso e come funziona

Attribuire un significato preciso al metaverso non è impresa semplice, poiché si trova in una fase embrionale e il suo sviluppo nei prossimi anni è ancora da definire.

 

Volendo comunque offrire una spiegazione semplice, il metaverso è una sorta di universo parallelo digitale che unisce realtà aumentata e virtuale, a cui si accede utilizzando tecnologie dedicate come occhiali 3D, visori VR/AR e non solo. Con gli utenti a popolarlo grazie ad avatar che li impersonano.

 

Attraverso i personaggi rappresentati dagli avatar, sarà possibile entrare nel metaverso per assistere a concerti, eventi e riunioni. Oppure interagire con amici organizzando, ad esempio, aperitivi e cene virtuali, oltre a fare shopping in quella che sarà un'estensione del mondo reale.

 

In estrema sintesi, si può quindi affermare che, con il metaverso, il concetto stesso di Internet cambierà drasticamente: da soluzione che vede le persone collegarsi davanti allo schermo di un computer o di uno smartphone, a spazio abitabile virtualmente nel quale le persone si calano per vivere nuove esperienze.

 

Un assaggio delle potenzialità del metaverso arriva dai tanti ragazzi che giocano a Fortnite, dove i gamers possono utilizzare (o acquistare) il loro avatar e oggetti virtuali, interagire con altri giocatori e comprare o vendere oggetti virtuali usando criptovalute e NFT.

 

Un universo virtuale, quindi, che consentirà di fare cose inimmaginabili nella realtà facendole sembrare però reali. Per questo, nonostante attualmente il metaverso sia più un progetto in divenire che altro, ha già catturato l'attenzione delle persone e, soprattutto, delle aziende. Che vedono nell'universo parallelo virtuale nuove opportunità di business innovative.

 

Come entrare nel metaverso: le piattaforme più popolari

Per accedere al metaverso saranno necessari anche visori che supportino la realtà aumentata e virtuale, e una connessione Internet ultraveloce per vivere un'esperienza sensoriale che, nelle intenzioni, sarà realistica e immersiva. Inoltre, bisognerà utilizzare piattaforme che offrono una sorta di ticket per entrare negli universi paralleli popolati da avatar.

 

Le piattaforme più note e di cui si parla maggiormente in relazione al metaverso sono:

 

Sandbox

 

Si tratta di un metaverso a cui si accede mediante iscrizione e creazione di un avatar personale, per poi governare lo spazio virtuale con la possibilità di vendere e acquistare oggetti virtuali. Con Sandbox i pagamenti si perfezionano con NFT e la criptovaluta Sand.

 

Stageverse

 

Una piattaforma nella quale si svolgono, sempre virtualmente, concerti, eventi e spettacoli in 3D. Per accedere a Stageverse e ottenere un'esperienza immersiva e realistica, è necessario dotarsi di un visore per la realtà aumentata e virtuale.

 

Horizon Worlds

 

Horizon Worlds, molto semplicemente, e la versione del metaverso realizzata da Meta. Attualmente, per accedervi è necessario un apposito invito.

 

Decentraland

 

Decentraland è tra i metaversi più dinamici esistenti oggigiorno. Al suo interno è possibile instaurare nuove relazioni sociali, interagire con amici reali e virtuali, e incontrare persone nuove. O, quantomeno, il loro avatar.

Quali opportunità offre il metaverso: nuove esperienze virtuali, dall’intrattenimento alla didattica

Il metaverso - anche se evidentemente è più opportuno parlare di 'metaversi' differenti - è ancora alla ricerca di regole e 'leggi' per garantire un'esperienza in linea con quella della vita reale in termini di sicurezza. La definizione delle stesse non è semplice, anche perché ogni metaverso è (e sarà) diverso dall'altro.

 

Con diversi settori che li caratterizzeranno, dal gaming alla moda fino all'intrattenimento. Ad esempio, il gruppo musicale 'Muse' ha organizzato un concerto nel metaverso, e l'evento è subito salito alla ribalta delle cronache. Le potenzialità sono infinite, visto che il pubblico che assiste a un concerto reale è limitato dallo spazio fisico, mentre la platea nel metaverso può essere molto più ampia.

 

Il metaverso, inoltre, sta progressivamente accogliendo altri ambiti come istruzione, turismo, cultura, arte e comunicazione. Determinando, in un futuro che non è certo lontano, nuovi significati per viaggi, visite ai musei, didattica e via dicendo.

 

Anticipato oltre 30 anni fa in un romanzo di fantascienza, il metaverso negli ultimi 2 è diventato più reale di quanto possa sembrare. Tuttavia, il nuovo universo parallelo richiede un ulteriore passaggio per essere compreso pienamente. Le esperienze offerte, infatti, sono infinite, ma fanno parte di una dimensione virtuale che non sostituirà il mondo reale. Rappresentando, invece, una possibile evoluzione dei social media odierni.


>>> Scopri come TIM contribuisce alla crescita digitale dell'Italia