TimGate
header.weather.state

Oggi 25 settembre 2022 - Aggiornato alle 12:31

 /    /    /  Microsoft Edge permetterà di chiudere le schede con doppio clic
Microsoft Edge permetterà di chiudere le schede con doppio clic

- Credit: Robin Utrecht / Sipa / Ipa / Fotogramma

INTERNET20 giugno 2022

Microsoft Edge permetterà di chiudere le schede con doppio clic

di Samuele Ghidini

La funzionalità, ancora in fase di test, semplificherà la chiusura delle schede aperte. Ecco come

Nell’ultimo aggiornamento del suo browser Edge disponibile in anteprima nella versione Canary per gli iscritti al programma di test, dopo aver introdotto l’importazione dei dati continua e automatica da Google Chrome, Microsoft ha inserito un’altra funzionalità nuova e di sicuro interesse per chi si trova nella condizione di dover gestire la navigazione in Internet e la visualizzazione dei contenuti: l’opzione per chiudere le schede aperte con un semplice doppio clic col mouse.

 

- LEGGI ANCHE - Microsoft Edge “collaborerà” meglio con Google Chrome: ecco come

- E ANCHE - Microsoft Edge ora è il secondo browser più usato da desktop

 

La soluzione, al centro dei desiderata degli utenti da diverso tempo, non è attiva per impostazione predefinita, richiedendo invece di abilitarla entrando nelle impostazioni di accessibilità di Edge, ovvero aprendo prima “Impostazioni” del browser, per poi cliccare su “Accessibilità” dal menu contestuale laterale spostando infine su “ON” l’interruttore dedicato.

 

Fatto ciò, per chiudere una scheda aperta senza dover spostare il cursore sulla tradizionale “X”m basterà cliccare per due volte consecutive sul tasto sinistro del mouse dopo essersi posizionati sul “titolo” della scheda.

 

Inoltre, è possibile chiudere le schede aperte in Edge anche cliccandovi sopra con il tasto centrale del mouse oppure sulla rotella e, in alternativa, con la combinazione da tastiera Ctrl+W.

 

La funzionalità, come anticipato, al momento è disponibile solo per i tester, e prima che Microsoft la rilasci su scala globale le tempistiche sono ignote e spaziano da poche settimane a mesi, a seconda dei riscontri della sperimentazione.