Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 22:00
Live
  • 21:55 | MotoGP 2020: le pagelle del GP di Catalogna al Montmeló
  • 21:09 | Genoa, 14 positivi tra giocatori e staff
  • 20:32 | Fiorella Mannoia, cosa sappiamo del nuovo disco e del tour
  • 20:12 | Usa 2020: Google non accetterà spot politici ad urne chiuse
  • 20:02 | Vin Diesel diventa cantante: ecco "Feel Like I Do"
  • 19:23 | Trump e le tasse: l'inchiesta del New York Times
  • 19:19 | Serie A, via a una settimana di big match
  • 17:30 | WhatsApp: come NON salvare foto e video nella galleria del telefono
  • 16:56 | Venti giorni di stop per Lorenzo Insigne, salta la Juventus
  • 16:42 | Perché negli Usa si può ancora scaricare TikTok
  • 14:45 | Cabine armadio, pro e contro
  • 14:18 | Totti in ospedale dalla calciatrice della Lazio uscita dal coma
  • 14:02 | Pirlo: 'Nei momenti difficili esce il carattere di una squadra'
  • 14:00 | Mercoledì i tre recuperi, gli arbitri designati
  • 13:37 | Milano e Torino candidate a ospitare le finali di Nations League
  • 13:36 | Playoff NBA: Miami batte Boston in Gara 6 e conquista le Finals
  • 13:26 | Kit Harington diventerà presto papà
  • 12:45 | Taylor Swift batte Whitney Houston: ecco il nuovo record della popstar
  • 12:30 | Joaquin Phoenix e Rooney Mara sono diventati genitori
  • 12:27 | Il perché degli scontri fra Armenia e Azerbaijan
Microsoft prolunga lo smart working negli Usa fino al 2021 - Credit: Jaap Arriens / IPA / Fotogramma
TECNOLOGIA 3 agosto 2020

Microsoft prolunga lo smart working negli Usa fino al 2021

di Federico Bandirali

Il colosso di Redmond sta pianificando un rientro graduale in tutto il mondo: la pandemia detterà i tempi

 

Microsoft, ufficialmente in trattative per acquistare TikTok e "sbarcare" nell'universo dei social, (possiede già LinkrIn, ma la piattaforma non è propriamente un social) ha reso noto che non riaprirà gli uffici negli Stati Uniti prima del gennaio 2021, prolungando lo smart working come conseguenza.

Diverse fonti citate dai media statunitensi indicano il 19 gennaio come prima data possibile per il ritorno dei dipendenti del colosso di Redmond nelle sedi Usa, con un piano per il ritorno graduale alla “semi-normalità” in fase di elaborazione e articolato in sei fasi.

 

Gli uffici di Microsoft torneranno alle normali operazioni solo quando la maggior parte delle restrizioni imposte a causa della pandemia da coronavirus verranno revocate, con l’emergenza sanitaria “rientrata” e dati in tal senso che suggeriscano la possibilità di tornare a lavorare normalmente - non solo da remoto - “in sicurezza”.

 

Le sei fasi si possono dividere in due tranche: la prima prevede che tutto resti chiuso con i dipendenti a lavorare da casa, mentre dalla fase 4 inizieranno a riaprire gli uffici, dapprima con restrizioni e poi “normalmente” nella sesta e ultima fase.

 

“Negli Stati Uniti, abbiamo stabilito che la prima data possibile per la Fase 6 è – allo stato attuale - il 19 gennaio 2021”, ha dichiarato il responsabile della strategia aziendale di Microsoft Kurt DelBene.

 

Specificando che se la situazione dovesse peggiorare la retromarcia sarà immediata. Di conseguenza, anche gennaio resta un’opzione indicativa e non una certezza. Da ricordare come il colosso di Redmond abbia permesso ai dipendenti di lavorare da casa già a inizio marzo, imponendo poi l’obbligo dello smart working che è ancora vigente.

 

- LEGGI ANCHE - Gli ultimi aggiornamenti sul coronavirus

 

Il 2021, peraltro, non è la data scelta solo da Microsoft, con le altre big tech che non pensano di riportare i propri lavoratori in ufficio prima dell’anno nuovo: Google ha scelto come scadenza luglio 2021; Apple quantomeno gennaio e Amazon uguale, con Facebook a fissare la prima data possibile per la riapertura degli uffici a fine 2020.

Leggi tutto su News