TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 14:17

 /    /    /  L’addio definitivo di Microsoft a Internet Explorer
L’addio definitivo di Microsoft a Internet Explorer

Logo Internet Explorer- Credit: Pixabay

INTERNET15 giugno 2022

L’addio definitivo di Microsoft a Internet Explorer

di Samuele Ghidini

Dal 15 giugno 2022 è terminato il supporto ufficiale del browser, con la società a "spingere" gli utenti verso Edge

Dopo una lunga attesa, l’epoca di Internet Explorer si è chiusa definitivamente mercoledì 15 giugno 2022, come da programma. Microsoft, infatti, aveva annunciato l’addio al suo “vecchio” browser a metà 2021, invitando nuovamente gli utenti a passare ad Edge il più in fretta possibile, dopo aver ricordato e confermato la decisione. Stando a quanto chiarito in passato, il destino di Internet Explorer per Windows è rappresentato da Microsoft Edge, con la modalità Internet Explorer (IE) a supportare il browser “legacy”.

 

- LEGGI ANCHE - Microsoft chiuderà a breve Internet Explorer

- E ANCHE: Internet Explorer e il reindirizzamento automatico su Edge

 

“Come annunciato in precedenza, il futuro di Internet Explorer Windows è in Microsoft Edge. La modalità Internet Explorer (modalità IE) fornisce il supporto del browser legacy all’interno Microsoft Edge. Per questo, l’applicazione desktop Internet Explorer 11 (IE11) verrà ritirata il 15 giugno 2022 per determinate versioni di Windows 10. Ciò significa che l’applicazione desktop IE11 non sarà più supportata e in seguito reindirizza a Microsoft Edge qualora un utente tenti di accedervi”, ha sottolineato il gigante del software.

 

Nonostante l’annuncio dell’addio arrivato tempo addietro, gli utenti che scelgono ancora IE come browser è ancora “importante”. Secondo i dati della società di analisi StatCounter, infatti, prendendo in considerazione solo la versione per PC, la quota di mercato di IE a fine maggio era ancora alta, ovvero l’1,65% del totale. Questo in un settore dominato da Google Chrome (66,16%) con Edge (10,12%) e Safari (9,14%) sul podio virtuale ma ben lontane dal navigatore di Big-G..

 

Internet Explorer, lanciato il 16 agosto 1995, nel 2020 è stato “omaggiato” e celebrato da Microsoft per i 25 anni di esistenza con modalità particolare, definendolo in un video apposito “il browser che amavi odiare”. E che, ora, non beneficia più del supporto ufficiale della società di Redmond.