TimGate
header.weather.state

Oggi 01 agosto 2022 - Aggiornato alle 10:01

 /    /    /  Ecco come miglioreranno i sondaggi su Microsoft Teams
Ecco come miglioreranno i sondaggi su Microsoft Teams

- Credit: Alpha Press / IPA / Fotogramma

APP29 giugno 2022

Ecco come miglioreranno i sondaggi su Microsoft Teams

di Federico Bandirali

In arrivo una funzionalità che eviterà di dover ricreare da zero sondaggi già proposti in precedenza durante i meeting

Microsoft nel corso del 2020 ha introdotto all'interno del servizio Teams una funzionalità per permettere di realizzare sondaggi sulla piattaforma, per poi modificare più volte la funzionalità in vari modi con l'obiettivo di migliorarla. Seguendo la strada intrapresa, il colosso di Redmond ha da poco annunciato l'arrivo di una nuova e rilevante opzione con l'intenzione di migliorare l'esperienza di utilizzo del servizio ulteriormente.

 

- LEGGI ANCHE - Microsoft Teams Essential, come funziona la nuova app per le PMI

- E ANCHE - Microsoft Teams, disponibile la versione gratuita per“privati”

 

Secondo quanto scritto sulla pagina Web dove è illustrato il cronoprogramma futuro di Microsoft 365, la società guidata da Satya Nadella introdurrà una nuova funzione dedicata ai sondaggi durante i meeting su Teams, che consentirà a relatori ed organizzatori di evitare l'onere di dover creare ogni volta da zero sondaggi in realtà ripetuti.

 

In concreto, Microsoft permetterà di accedere ai sondaggi creati precedentemente in modo da poterli riutilizzare e, qualora necessario, modificare. Con un evidente velocizzazione e semplificazione nel proporne di nuovi se simili ad altri già inseriti in passato.

 

Il gigante del software, al momento, sta sviluppando la funzionalità in questione, con debutto previsto a luglio 2022. Anche se, come già successo in passato con altre soluzioni di Microsoft, è possibile che la data di lancio della novità slitti.

 

Ad ogni modo, la funzionalità quando disponibile sarà fruibile solo da quanti utilizzano il client desktop di Microsoft Teams e la versione Web del servizio. Per quanto riguarda le app mobile per Android e iPhone, invece, in assenza di annunci ufficiali è solo ipotizzabile un'estensione successiva della funzionalità.