TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 09:00

 /    /    /  Con Outlook per iPhone si potrà usare la voce per scrivere
Con Outlook per iPhone si potrà usare la voce per scrivere

Il "vecchio" Outlook Express (2009)- Credit: Microsoft

APP09 giugno 2021

Con Outlook per iPhone si potrà usare la voce per scrivere

di Redazione

Microsoft limiterà la funzione ad alcune operazioni, prima dell’imminente lancio per Android

Microsoft sta aggiungendo funzionalità vocali alla sua app per dispositivi mobili di Outlook che consentiranno alle persone di scrivere mail, pianificare riunioni ed effettuare ricerche utilizzando solo la propria voce. Le nuove agginure, basate sull’assistente vocale del colosso di Redmond - Cortana, saranno disponibili prima in Outlook per iOS, con il supporto per Android che arriverà a stretto giro di posta.

 

Di conseguenza, nell’app per iOS a breve apparirà una nuova icona a simboleggiare il segno più, che consentirà di attivare la modalità vocale. L’utente sarà in grado di chiedere cose come “Quando è la mia prossima riunione del team?” oppure cercare colleghi, file e voci del suo calendario.

 

- LEGGI ANCHE: Microsoft sta "migliorando" Outlook per Windows: ecco come

- E ANCHE: Ecco come cambierà la grafica del calendario di Microsoft Outlook

 

Inoltre, è persino possibile usare la voce per allegare rapidamente i file, poiché Outlook utilizza Microsoft Graph per far emergere i documenti pertinenti. La dettatura è stata per anni una parte importante di Word e Outlook in versione PC desktop, e ora debutterà anche nella versione mobile permettendo di rispondere ai messaggi vocalmente, o scrivere nuove email utilizzando la funzionalità di sintesi vocale.

 

Questa non è la prima volta che la funzionalità vocale di Cortana appare in Outlook. Microsoft ha gradualmente gettato le fondamenta e poi edificato per arrivare fino a questo punto con una funzione dedicata “Riproduci le mie email in Outlook mobile”.

Tuttavia, il nuovo aggiornamento porta la voce in quasi ogni parte dell'app, sebbene il colosso di Redmond sembri sul punto di “pensionare” il suo assistente virtuale per rilanciare in grande stile con una nuova soluzione più adatta ed evoluta in modo da sfidare Alexa, Siri e Google Assistant.