Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Per Conoscere
    • Ricette
    • Sport
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 20 giugno 2021 - Aggiornato alle 19:12
Live
  • 19:12 | MotoGP, le pagelle del GP di Germania 2021 al Sachsenring
  • 17:49 | L'Italia batte il Galles 1 a 0, super gol di Pessina
  • 17:46 | La playlist dei tormentoni dell'estate 2021 (per allenarsi)
  • 17:44 | Tutta Italia in zona bianca tranne la Valle d'Aosta
  • 17:24 | Covid, come ottenere il Green pass sull’app Immuni
  • 16:24 | MotoGP 2021, Marc Marquez risorge e torna a vincere al Sachsenring
  • 16:21 | Come va la campagna vaccinale in Italia
  • 16:12 | Il Milan ripensa a Zaccagni per la trequarti
  • 16:09 | Calcio e innovazione: il futuro (prossimo) è in streaming
  • 15:57 | “Doctor Foster”, la miniserie da non perdere su TIMVISION
  • 15:50 | Tutto su "Celebrity Hunted 2", in onda su Amazon Prime Video
  • 13:38 | La probabile formazione dell’Italia contro il Galles
  • 13:33 | Le repliche della regina a ogni nuova provocazione
  • 13:18 | Laura Pausini ha vinto il Nastro D'Argento 2021
  • 12:57 | Taylor Swift reincide il disco "Red" e confessa: "Ho il cuore spezzato"
  • 12:45 | Per un momento speciale...una musica speciale: 10 consigli per una playlist da sogno
  • 12:30 | Rihanna oggi, che fine ha fatto la popstar
  • 12:30 | Marsala vino: ricette con il famoso vino di Sicilia
  • 12:04 | Temptation Island 2021, quando inizia e le prime coppie annunciate
  • 11:33 | Festa della Musica 2021, tutti gli eventi da non perdere
Perché Huawei ha venduto il brand Honor Huawei Store - Credit: dycj / IPA / Fotogramma
TECNOLOGIA 18 novembre 2020

Perché Huawei ha venduto il brand Honor

di Federico Bandirali

Il colosso di Shenzhen prova a “smarcare” i dispositivi Honor dal ban Usa. Ecco come

 

Dopo settimane di indiscrezioni, il colosso cinese della tecnologia Huawei ha annunciato ufficialmente di aver venduto il brand Honor, marchio della società utilizzato per produrre smartphone rivolti a utenti più giovani e con “portafoglio” limitato.

Il brand, come da indiscrezioni, è stato ceduto alla Shenzhen Zhixin New Information Technology, consorzio che raggruppa la municipalità locale con forte presenza di Pechino.

 

- LEGGI ANCHE - Smartphone: Huawei sarebbe pronta a vendere il marchio Honor

 

Ad operazione finalizzata, Huawei cederà tutte le sue quote uscendo completamente dalla gestione del marchio Honor. Le ragioni che hanno spinto il colosso di Shenzhen a vendere il marchio sono dovute al ban imposto dagli Stati Uniti, rendendo il passaggio obbligato pena crollo della stessa Huawei.

 

Che, in questo modo, oltre a ricevere circa 15 miliardi di dollari (cifra da confermare) avrà modo di “liberare” Honor che, in teoria, dovrebbe poter acquistare la componentistica prodotta da Qualcomm, vietata per Huawei dopo il ban statunitense.

 

Tuttavia, i primi riguardano proprio il ban. Per comprendere cosa potrà e non potrà fare il brand sotto la nuova proprietà risulta decisivo capire come intende muoversi l’amministrazione Usa, prossima peraltro al passaggio di consegne dopo la vittoria del candidato democratico Joe Biden nelle presidenziali dello scorso 3 novembre.

 

Huawei, invece, rifiata ma non del tutto, con i chip sviluppati dal colosso cinese (Kirin) che, almeno fino al passaggio di consegne tra Trump e Biden, non potranno essere prodotti da aziende che per farlo utilizzino sistemi tecnologici “made in Usa”, al pari dei servizi Google rimasti ovviamente fuori dalla questione.

 

Per ora, di conseguenza, il gigante di Shenzhen avrà benefici immediati solo per le proprie casse, tra i ricavi della cessione e la conseguente riduzione delle spese per i progetti del brand Honor, con la speranza che la “guerra commerciale” tra Stati Uniti e Cina conosca una svolta una volta dopo che Trump, il 20 gennaio, lascerà il posto alla nuova amministrazione statunitense. Difficile ma non impossibile.

I più visti

Leggi tutto su News