Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 24 novembre 2020 - Aggiornato alle 15:15
Live
  • 14:46 | La morte di Dinkins, primo sindaco afroamericano di New York
  • 14:46 | La correlazione tra sigarette e Covid, secondo uno studio francese
  • 14:44 | Alimentazione ecosostenibile
  • 14:37 | Differenza tra eolico domestico e minieolico
  • 14:30 | “Notturno” è il film che rappresenterà l’Italia agli Oscar
  • 14:22 | L’Inter attende il Real Madrid. Per Conte è una finale
  • 14:22 | Le 10 canzoni più amate dello Zecchino d'oro
  • 14:19 | Malesia, boom di contagi nella fabbrica di guanti in lattice
  • 14:04 | Vettel spiega i miglioramenti della Ferrari
  • 14:00 | George, Charlotte e Louis: già pronta la letterina per Babbo Natale
  • 14:00 | Film di fantascienza anni '80 da vedere
  • 13:49 | Quali sono i pesci più venduti in Italia
  • 13:17 | Fauci: "Dal 12 dicembre si parte con il vaccino in Usa e Italia"
  • 13:14 | Francesca Fioretti, cosa fa oggi la compagna di Davide Astori
  • 13:13 | Napoli, nessuna lite tra Gattuso e i giocatori
  • 13:09 | Ricetta futomaki fritto
  • 13:07 | Roma, nuovo infortunio per Smalling
  • 12:58 | F1 2020, disponibile la prima feature trial
  • 12:53 | Alexis Bledel oggi: figlio, marito e carriera
  • 12:39 | “Scoprendo Forrester”, il film con Sean Connery diventa una serie
Perché Huawei ha venduto il brand Honor Huawei Store - Credit: dycj / IPA / Fotogramma
TECNOLOGIA 18 novembre 2020

Perché Huawei ha venduto il brand Honor

di Federico Bandirali

Il colosso di Shenzhen prova a “smarcare” i dispositivi Honor dal ban Usa. Ecco come

 

Dopo settimane di indiscrezioni, il colosso cinese della tecnologia Huawei ha annunciato ufficialmente di aver venduto il brand Honor, marchio della società utilizzato per produrre smartphone rivolti a utenti più giovani e con “portafoglio” limitato.

Il brand, come da indiscrezioni, è stato ceduto alla Shenzhen Zhixin New Information Technology, consorzio che raggruppa la municipalità locale con forte presenza di Pechino.

 

- LEGGI ANCHE - Smartphone: Huawei sarebbe pronta a vendere il marchio Honor

 

Ad operazione finalizzata, Huawei cederà tutte le sue quote uscendo completamente dalla gestione del marchio Honor. Le ragioni che hanno spinto il colosso di Shenzhen a vendere il marchio sono dovute al ban imposto dagli Stati Uniti, rendendo il passaggio obbligato pena crollo della stessa Huawei.

 

Che, in questo modo, oltre a ricevere circa 15 miliardi di dollari (cifra da confermare) avrà modo di “liberare” Honor che, in teoria, dovrebbe poter acquistare la componentistica prodotta da Qualcomm, vietata per Huawei dopo il ban statunitense.

 

Tuttavia, i primi riguardano proprio il ban. Per comprendere cosa potrà e non potrà fare il brand sotto la nuova proprietà risulta decisivo capire come intende muoversi l’amministrazione Usa, prossima peraltro al passaggio di consegne dopo la vittoria del candidato democratico Joe Biden nelle presidenziali dello scorso 3 novembre.

 

Huawei, invece, rifiata ma non del tutto, con i chip sviluppati dal colosso cinese (Kirin) che, almeno fino al passaggio di consegne tra Trump e Biden, non potranno essere prodotti da aziende che per farlo utilizzino sistemi tecnologici “made in Usa”, al pari dei servizi Google rimasti ovviamente fuori dalla questione.

 

Per ora, di conseguenza, il gigante di Shenzhen avrà benefici immediati solo per le proprie casse, tra i ricavi della cessione e la conseguente riduzione delle spese per i progetti del brand Honor, con la speranza che la “guerra commerciale” tra Stati Uniti e Cina conosca una svolta una volta dopo che Trump, il 20 gennaio, lascerà il posto alla nuova amministrazione statunitense. Difficile ma non impossibile.

I più visti

Leggi tutto su News