Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 aprile 2021 - Aggiornato alle 00:40
Live
  • 08:35 | Economia italiana, la scommessa di Draghi sulla crescita
  • 00:40 | Di cosa parla la nuova serie di Courteney Cox
  • 00:07 | Un live action dedicato alle sorellastre cattive di Cenerentola
  • 23:35 | Hugh Jackman e Laura Dern protagonisti di “The Son”
  • 23:17 | “A very english scandal”, una miniserie con Hugh Grant su TIMVISION
  • 23:01 | Basket, Serie A: Shields guida l’Olimpia Milano, Virtus ko 94-84
  • 21:30 | I funerali del principe Filippo: le lacrime della regina Elisabetta
  • 18:30 | Covid, in Italia altri 310 morti
  • 17:43 | MotoGP 2021, Portogallo: Quartararo in pole a Portimao, Bagnaia beffato
  • 16:24 | David Bowie, esce un cofanetto con brani inediti e rarità
  • 16:14 | Lewis Hamilton scrive un altro record in Formula 1
  • 16:10 | Il nuovo singolo di Moby con Mark Lanegan è su TIMMUSIC
  • 16:00 | Che cos’è il Pnrr e perché così importante
  • 15:50 | I colori delle regioni dal 19 aprile
  • 15:45 | La riapertura di cinema, teatri e musei
  • 15:00 | Amarene sciroppate fai da te!
  • 14:47 | Chi è la grande amica del principe Filippo
  • 14:27 | Buon compleanno Victoria Beckham
  • 13:58 | Sarah Ferguson è stata esclusa dai funerali
  • 13:40 | Windsor blindata per i funerali del principe Filippo
Giornali pirata: chiusi 329 canali Telegram - Credit: Tim Mossholder / Unsplash
copyright online 25 febbraio 2021

Giornali pirata: chiusi 329 canali Telegram

di Federico Bandirali

Risultato (parziale) delle indagini avviate dopo un esposto degli editori (FIEG) nell'aprile 2020

Nell’ambito delle indagini avviate dalla procura di Bari nell’aprile del 2020, il Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza ha disposto l’urgente sequestro preventivo di 10 siti Internet, usati per diffondere copie pirata di quotidiani, riviste ed ebook.

L’operazione ha inoltre determinato la chiusura di 329 canali Telegram, dove erano disponibili i giornali e che, comunque, riappariranno a breve con semplice cambio di nome.

 

Fenomeno che va avanti da tempo soprattutto su Telegram,  il contrasto alla diffusione delle copie pirata è diventato concreto solo dopo una denuncia della Federazione Italiana Editori di Giornali FIEG) presentata all’AGCOM nell’aprile 2020.

 

Nei mesi successivi sono stati chiusi diversi siti e canali Telegram, con la stessa FIEG che a quasi un'anno dalla denuncia e della conseguente indagini da notizia del blocco di 329 canali sulla piattaforma, palesando soddisfazione per gli esiti dell’operazione #cheguaio portata avanti dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari.

 

- LEGGI ANCHE: Giornali “pirata”: dopo l’esposto degli editori rimossi 7 canali Telegram

- E ANCHE: Giornali “pirata”: Telegram chiude i canali che li diffondevano

 

Come rileva la nota diffusa dalla FIEG, le autorità hanno oscurato 10 siti pirata – scoperti grazie all’analisi di dispositivi sequestrati a 9 persone già indagate per violazione delle leggi sul copyright -  che mettevamo a disposizione di tutti ebook e copie digitali di riviste e giornali, non solo italiani.

 

Questo - nonostante i siti poggiassero su server in terra straniera - senza chiedere nulla in cambio agli utenti, con proventi originati dalle pubblicità e non dalla diffusione delle copie piratate.

La Guardia di Finanza di Bari evidenzia infatti come “il mercato della pirateria editoriale sia un business illecito molto fiorente”, rilevando altresì i rischi per chi lo sfrutta che possono sconfinare nel penale senza che ve ne sia consapevolezza.

 

Il tutto con ingenti perdite (e mancati guadagni) per gli editori, che detengono i diritti d’autore per i contenuti e vengono colpiti anche da un sistema capace di alterare le dinamiche di mercato arrecando danni “agli operatori del settore che rispettano le regole”.

I più visti

Leggi tutto su News