Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 21 aprile 2021 - Aggiornato alle 11:54
Live
  • 12:38 | Coltivazione della soia e impatto ambientale, cosa dobbiamo sapere
  • 12:25 | Quali sono gli uccelli più rari?
  • 12:15 | La Cappella degli Scrovegni su Haltadefinizione
  • 12:14 | Setter irlandese: info e carattere di questa razza
  • 12:10 | Tutto su "Anna", la serie tv di Niccolò Ammaniti
  • 12:04 | 5 curiosità su Napoleone Bonaparte
  • 11:34 | Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas festeggiano la figlia
  • 11:29 | Usa, condannato l'agente che uccise George Floyd
  • 11:18 | Il Borussia Dortmund vuole André Silva
  • 11:15 | Barbabietola al forno per un contorno light
  • 11:05 | L’ok dell’Ema al vaccino Johnson&Johnson
  • 10:49 | La vittoria della Fiorentina a Verona
  • 10:31 | Da maggio studenti in classe al 60 per cento
  • 10:03 | Facebook: ecco le Live Audio Room per sfidare con Clubhouse
  • 09:51 | Buon compleanno alla regina Elisabetta II
  • 09:08 | Gravina nel comitato esecutivo della Uefa
  • 08:59 | Arriva il primo Dlc di Wasteland 3
  • 08:37 | La Super League è già naufragata dopo due giorni
  • 08:26 | Parler nuovamente disponibile sull'App Store di Apple
  • 07:07 | Da Amazon nuovi investimenti per l'energia rinnovabile
Giornali pirata: chiusi 329 canali Telegram - Credit: Tim Mossholder / Unsplash
copyright online 25 febbraio 2021

Giornali pirata: chiusi 329 canali Telegram

di Federico Bandirali

Risultato (parziale) delle indagini avviate dopo un esposto degli editori (FIEG) nell'aprile 2020

Nell’ambito delle indagini avviate dalla procura di Bari nell’aprile del 2020, il Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza ha disposto l’urgente sequestro preventivo di 10 siti Internet, usati per diffondere copie pirata di quotidiani, riviste ed ebook.

L’operazione ha inoltre determinato la chiusura di 329 canali Telegram, dove erano disponibili i giornali e che, comunque, riappariranno a breve con semplice cambio di nome.

 

Fenomeno che va avanti da tempo soprattutto su Telegram,  il contrasto alla diffusione delle copie pirata è diventato concreto solo dopo una denuncia della Federazione Italiana Editori di Giornali FIEG) presentata all’AGCOM nell’aprile 2020.

 

Nei mesi successivi sono stati chiusi diversi siti e canali Telegram, con la stessa FIEG che a quasi un'anno dalla denuncia e della conseguente indagini da notizia del blocco di 329 canali sulla piattaforma, palesando soddisfazione per gli esiti dell’operazione #cheguaio portata avanti dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari.

 

- LEGGI ANCHE: Giornali “pirata”: dopo l’esposto degli editori rimossi 7 canali Telegram

- E ANCHE: Giornali “pirata”: Telegram chiude i canali che li diffondevano

 

Come rileva la nota diffusa dalla FIEG, le autorità hanno oscurato 10 siti pirata – scoperti grazie all’analisi di dispositivi sequestrati a 9 persone già indagate per violazione delle leggi sul copyright -  che mettevamo a disposizione di tutti ebook e copie digitali di riviste e giornali, non solo italiani.

 

Questo - nonostante i siti poggiassero su server in terra straniera - senza chiedere nulla in cambio agli utenti, con proventi originati dalle pubblicità e non dalla diffusione delle copie piratate.

La Guardia di Finanza di Bari evidenzia infatti come “il mercato della pirateria editoriale sia un business illecito molto fiorente”, rilevando altresì i rischi per chi lo sfrutta che possono sconfinare nel penale senza che ve ne sia consapevolezza.

 

Il tutto con ingenti perdite (e mancati guadagni) per gli editori, che detengono i diritti d’autore per i contenuti e vengono colpiti anche da un sistema capace di alterare le dinamiche di mercato arrecando danni “agli operatori del settore che rispettano le regole”.

I più visti

Leggi tutto su News