Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 19 aprile 2021 - Aggiornato alle 16:11
Live
  • 16:30 | "Sindrome di Stendhal" di Emanuele Aloia è su TIMMUSIC
  • 16:30 | Travis Barker e la dedica a Kourtney Kardashian
  • 16:11 | “Hermitage” è il nuovo album dei Moonspell, l’intervista
  • 16:10 | Spazio, l'elicottero Ingenuity della Nasa ha volato su Marte
  • 15:35 | Cos'è "Bauli in piazza" e chi sono gli artisti che hanno aderito
  • 15:35 | I giorni decisivi del Recovery Plan (Pnrr)
  • 15:20 | Quali tipi di plastica si possono riciclare?
  • 15:17 | I coreografi dei vip: chi sono i più famosi
  • 15:12 | 10 segnali per capire se le piaci
  • 15:05 | Lo smart working fa bene all'ambiente, dati e vantaggi
  • 15:03 | Perché si chiamano “soap opere”?
  • 14:55 | Kate Middleton è la vera erede del principe Filippo
  • 14:53 | Fabrizio De André, quali sono le canzoni più amate
  • 14:40 | Kanye West vorrebbe frequentare un’artista
  • 13:31 | L'apprensione internazionale per Navalny
  • 13:30 | Un terremoto scuote il calcio: ecco che cos'è la Super League
  • 13:05 | Economia italiana, la scommessa di Draghi sulla crescita
  • 13:00 | Paul McCartney, 12 artisti reinterpretano il suo ultimo album
  • 12:31 | L'iceberg più grande del mondo si è sciolto
  • 12:15 | Amici 20, i fan intervistano Martina: il video in esclusiva per TIM
Smartphone Android, le app non potranno più “vedere” le altre app - Credit: Gian Cescon / Unsplash
TECNOLOGIA 6 aprile 2021

Smartphone Android, le app non potranno più “vedere” le altre app

di Redazione

Dal 5 maggio Google introdurrà limiti appositi per sviluppatori in nome della privacy, con alcune deroghe motivate

 

Google ha annunciato agli sviluppatori di app per Android che intendono proporle nel Play Store l’introduzione di una nuova e attesa limitazione.

A far data dal 5 maggio 2021, come comunicato da Big-G, ogni app non sarà più in grado di vedere quali siano le altre installate sullo stesso smartphone. Ppzione precedentemente possibile e usata per diversi scopi di cui alcuni potenzialmente dannosi per gli utenti.

 

Il nuovo sistema, tuttavia, prevede delle eccezioni: antivirus, browser, soluzioni per gestire il file e molte altre applicazioni di questo genere avranno infatti ancora accesso all’elenco delle applicazioni installate sul device. Motivo? Molto semplicemente app simili hanno un predefinito e giustificato motivo per interagire con le altre, che ne determinano o meno il loro funzionamento.

 

Questo oltre a non avere finalità nascoste potenzialmente dannose per l’utente. Proprio per questo si tratta di una piccola parte, mentre la “barriera” interesserà tante applicazioni comuni e molto utilizzate in modo da garantire più privacy e non consentire agli sviluppatori di carpire dati e informazioni non necessarie ad ogni installazione.

 

- LEGGI ANCHE: Un dispositivo Android "sostituirà" le chiavi della macchina

- E ANCHE: Come condividere la propria posizione con uno smartphone Android

 

Nella maggior parte delle situazioni, invece, il limite imporrà una maggior discrezione ed un minor numero di informazioni da poter ricavare ad ogni installazione. Con eccezioni in più gestibili dall’utente stesso, sconsigliate per chi non ha grande dimestichezza con questo genere di operazioni.

 

Peraltro, la tabella di marcia nel merito da parte di Google prevedeva l’introduzione di questi limiti già nel 2020, ma causa pandemia Mountain View ha preferito posticipare il tutto in una fase storica a dir poco caotica evitando così di creare problemi ad utenti privati e business.

 

Tempi che, almeno negli Usa, stanno cambiando rapidamente grazie alla campagna vaccinale, e adatti a questa mini-rivoluzione che scatterà dal 5 maggio. Data importante, celebrata anche da una nota poesia del Manzoni, che nell’800 segnò un altro cambiamento epocale in Europa.

I più visti

Leggi tutto su News