TimGate
header.weather.state

Oggi 07 ottobre 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Snapchat aumenta la sicurezza dei minori, ecco come
Snapchat aumenta la sicurezza dei minori, ecco come

- Credit: Christian Wiediger / Unsplash

APP10 agosto 2022

Snapchat aumenta la sicurezza dei minori, ecco come

di Samuele Ghidini

Introdotto un nuovo 'Filtro Famiglia', che offrirà ai genitori un controllo 'discreto' di ciò che fanno i figli

Snapchat ha da poco annunciato una novità che interesserà la sua app, ovvero l'introduzione di un nuovo strumento di controllo per proteggere i minori, dopo che da luglio la piattaforma ha lanciato ufficialmente la versione a pagamento del servizio (Snapchat+) che, dietro pagamento di 3,99 dollari ogni mese, propone contenuti esclusivi e permette di provare nuove funzionalità dell'app in anteprima per chi lo sottoscrive.

 

Tornando alla sicurezza, Snapchat ha attivato un nuovo strumento per la supervisione e la protezione dei minori durante la navigazione, ribattezzato 'Family Center'. Il tool, nello specifico, consente ai genitori e ai tutori di minorenni di sapere con chi gli stessi chattano inclusi i nomi, senza però mostrare i contenuti 'scambiati.

 

- LEGGI ANCHE - Snapchat sfida TikTok con la nuova sezione Spotlight

- E ANCHE - Snapchat ora consente ai creators di mostrare quanti iscritti hanno

 

Lo strumento viene attivato dopo una sorta di autorizzazione fornita proprio dal minore. Qualora lo stesso dia il benestare, i genitori avranno la possibilità di accedere alla lista dei contatti con i quali il figlio si è intrattenuto nei sette giorni precedenti.

 

L'obiettivo, stando a quanto dichiarato dalla società, consiste nel 'promuovere la collaborazione e la fiducia tra genitori e adolescenti'. Inoltre, le funzionalità incluse nel 'Family Center' saranno oggetto di costanti aggiornamenti, e le prime novità dovrebbero essere introdotte nel volgere di poche settimane.

 

Il fine ultimo di Snapchat, di fatto, è realizzare un sistema di controllo quanto più possibile vicino a ciò che accade nella realtà, con genitori (o tutori) sì presenti, ma non in grado di intervenire se non con le pinze nelle conversazioni tra figli e rispettivi amici.