Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 01:00
Live
  • 22:16 | Libano: la crisi, dagli anni '70 ad oggi
  • 20:52 | Conte: 'Vogliamo la finale, ma va meritata'
  • 20:23 | Leclerc salva ancora la Ferrari a Silverstone
  • 18:00 | Buon compleanno Melanie Griffith
  • 17:36 | SBK 2020: Rea ha vinto anche SupepoleRace e Gara 2 al Portimao
  • 17:09 | L'ultimo continente rimasto immune al virus
  • 17:01 | Il calendario delle final eight di Champions ed Europa League
  • 16:45 | MotoGP 2020: Brad Binder su KTM ha vinto il GP di Brno
  • 16:35 | La Catalogna ha approvato una mozione contro la monarchia
  • 16:03 | Dybala a Sarri dopo esonero: 'Grazie di tutto mister'
  • 16:02 | Insigne a Callejon: 'Un onore giocare con te'
  • 15:53 | Nel decreto agosto tre idee per il futuro del paese
  • 15:30 | Coronavirus: il punto sulla pandemia
  • 15:15 | Quando rivedremo Meghan Markle
  • 15:00 | È scomparsa a 100 anni Franca Valeri
  • 12:48 | Buon compleanno Dustin Hoffman
  • 12:43 | Frittura di coniglio
  • 12:37 | Polpettone con uova sode
  • 10:07 | Decreto agosto per il rilancio dell'economia
  • 10:00 | Cittadinanza digitale, con Ernesto Belisario
take-food-home - Credit: pixabay
tecnologia 2 luglio 2020

Take food home, e il take away diventa più facile

di Redazione

La nuova piattaforma made in Italy per i ristoranti

Nessuna piattaforma di aggregazione a cui doversi iscrivere, zero commissioni sugli ordini, gestione diretta di take away, consegne a domicilio, prenotazioni e promozioni, menu digitale, tutto in un’unica soluzione: Take Food Home è l’ultimo nato in casa Half Pocket, agenzia web nata nel 2015 dalla passione dei suoi quattro giovanissimi soci con sedi a Roma e ad Alessandria, specializzata nella creazione di soluzioni digital su misura; un progetto pensato e sviluppato con i ristoratori, per i ristoratori, per organizzare e riorganizzare in modo veloce ed efficace le nuove esigenze dei ristoranti e dei loro clienti. 

 

E se i tempi sono cambiati – e con essi le regole dettate dalle linee guida anti Covid-19 – Take Food Home è la soluzione 100% Made in Italy ideata per risolvere alcuni dei più comuni problemi causati dall’emergenza (tra cui gestione digitale delle prenotazioni, abbandono del menu cartaceo, necessità di prevedere il food delivery).

“Ma l’idea è anche quella di imparare dal presente per andare incontro al futuro, – ha spiegato Francesco D’Intino, COO e co-founder di Half Pocket – di farsi trovare preparati insomma, anche nel settore della ristorazione, cogliendo le opportunità che offre il digitale”. “Tra i nostri clienti ci sono diversi ristoranti – prosegue Roberto D’Intino, CMO e co-founder dell’azienda – è dalle loro necessità concrete che è nata l’idea di Take Food Home: siamo partiti dalle loro difficoltà post lockdown ma abbiamo sviluppato un sistema che va ben oltre queste contingenze”.

 

Che cos’è Take Food Home? App, e-commerce e menu digitale tutto in uno

Un sito web e un’app mobile dal design innovativo, da personalizzare con i loghi del ristorante, il menu, le offerte: Take Food Home consente di creare, implementare o riorganizzare i servizi di consegna domicilio e take away in maniera facile, senza commissioni sugli ordini. Inoltre il ristorante può gestire anche online le prenotazioni dei tavoli e consentire ai clienti di visualizzare il menù digitale con QR Code (cioè scansionando il codice con lo smartphone), eliminando la versione cartacea.

 

Ma Take Food Home è pensato anche per attrare nuovi clienti. Come? Con il marketing diretto, con promozioni e offerte dedicate, ideate direttamente dal ristoratore a misura del suo target e realizzate in pochi click. Statistiche e report aiutano il ristoratore nell’analisi dei dati di vendita e delle preferenze. Il costo di questo ristorante digitale? “Uno dei più concorrenziali attualmente sul mercato – spiega Yuri Galassetti, CEO e co-founder di Half Pocket - con un prezzo fisso costituito dal costo di set-up, più un canone mensile in abbonamento”.

 

I vantaggi di take Food Home: zero commissioni, promozioni fai da te, reputazione digitale senza intermediazioni

I ristoratori lo sanno bene: entrare a far parte dei più noti circuiti per la consegna domicilio ha i suoi costi e le sue regole. Le piattaforme di aggregazione stabiliscono, infatti, delle percentuali sulle ordinazioni (che oscillano, mediamente, tra il 10 il 35% in base alla presenza o meno di una rete di driver proprietaria), più una serie di altri costi che variano da piattaforma a piattaforma (costo di attivazione, canone mensile, ulteriori commissioni in base ai metodi di pagamento accettati in fase d’ordine).

 

Su chi gravano questi costi? Spesso e volentieri sui clienti perché i ristoranti – soprattutto quelli di piccole dimensioni, fuori città - sono costretti ad alzare i prezzi. La novità di Take Food Home è proprio questa: la possibilità di gestire in totale autonomia il food delivery (organizzandosi con un proprio fattorino di fiducia) attraverso un’app e un sito web di cui il ristorante è proprietario. “I vantaggi? – conclude Jose Pavese, CIO e quarto socio dell’agenzia - Oltre ad una gestione del servizio senza intermediazioni, il ristorante investe nella sua reputazione digitale, dotandosi di un valore aggiunto che, se gestito con criterio, può solo crescere nel tempo”.

Leggi tutto su News