Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 02 marzo 2021 - Aggiornato alle 08:00
Live
  • 06:00 | I titoli dei giornali di martedì 2 marzo
  • 02:39 | Festival di Sanremo 2021 al via, tutto quello che c'è da sapere
  • 01:19 | Tommaso Zorzi ha vinto il Grande Fratello Vip 5
  • 23:53 | “The Actor”, nuovo film per Ryan Gosling
  • 22:21 | Covid, vaccini: l'idea di un Digital Green Pass europeo
  • 22:00 | Le canzoni rock che hanno fatto la storia del Festival di Sanremo
  • 21:09 | Alberto di Monaco racconta i suoi figli
  • 20:52 | Milano, al Centro Ospedaliero militare l'hub vaccini della Difesa
  • 19:52 | Chi è il nuovo commissario straordinario per l'emergenza
  • 19:05 | MotoGP 2021, presentato il team Yamaha Petronas di Rossi e Morbidelli
  • 18:23 | Alexa e Siri presto riconosceranno i disturbi del linguaggio
  • 18:00 | “Terminator”, in arrivo una serie animata
  • 17:30 | Covid, in Italia altri 246 morti
  • 17:24 | Francia, perché Sarkozy è stato condannato
  • 16:14 | Meghan Markle indossa un abito premaman
  • 16:02 | Pasta con broccoli, la video ricetta
  • 16:00 | Speranza: "Prossime settimane non facili, accelerare sui vaccini"
  • 15:59 | I Golden Globe di Jodie Foster nel salotto di casa
  • 15:46 | La mostra virtuale di Frida Kahlo per la festa della donna
  • 15:45 | Il futuro della scuola passa dalla digitalizzazione e dalla banda larga
Telegram, chiusi centinaia di canali Usa per incitazione alla violenza - Credit: Christian Wiediger / Unsplash
app 20 gennaio 2021

Telegram, chiusi centinaia di canali Usa per incitazione alla violenza

di Redazione

Vantavano decine di migliaia di iscritti violando però le regole del servizio

Telegram, l’app di messaggistica istantanea russa creata dai fratelli Durov e vera alternativa a WhatsApp insieme a Signal, seguito il succedersi degli eventi "da lontano", ha infine deciso di intervenire a gamba tesa e fare la propria parte.

La piattaforma, dopo gli annunci sul futuro che l’attende da parte di Pavel Durov, ha infatti comunicato di aver eliminato centinaia di canali affollati da migliaia di iscritti statunitensi poiché i contenuti proposti rappresentavano una chiara ed inequivocabile incitazione alla violenza nel mondo reale.

 

- LEGGI ANCHE - Le novità di Telegram, dal video editor ai messaggi con GIF

- E ANCHE - Telegram, aperta un’indagine sui deepfake creati da bot

 

Il tutto a meno di 24 ore dall’insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca con annessa cerimonia di inaugurazione per la nuova amministrazione Usa. Telegram, almeno secondo le linee guide, sostiene e stimola infatti il confronto dialettico e pacifico ma, come spiegato dalla società, non ammette la diffusione di contenuti che sono esplicita incitazione a tenere comportamenti violenti.

 

Nel spiegarlo, Durov ha rammentato come non ci si trovi di fronte ad un evento straordinario, visto che in precedenza le stesse limitazioni erano state applicate in Iran, Thailandia e a Hong Kong con risultati soddisfacenti.

 

Il fatto che gli Stati Uniti, dove peraltro si trova solo il 2% degli oltre 400 milioni di utenti Telegram, vengano considerati alla stregua dei Paesi appena menzionati dovrebbe far riflettere, senza per questo mettere in discussione la “stretta” dell’app sui canali in questione.

 

Da specificare come la mossa della piattaforma russa sia andata a toccare i canali. Il vero "pezzo forte" di Telegram che, insieme alla crittografia end-to-end e alla massima tutela della privacy, è valso al servizio di messaggistica il successo globale di cui lo stesso Durov ha parlato nel presentare gli ambiziosi progetti della sua società.

I più visti

Leggi tutto su News