TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 19:00

 /    /    /  Tesla, stop ai videogame mentre l’auto è in movimento
Tesla, stop ai videogame per chi sta guidando

La presentazione del Cybertrack di Tesla di Elon Musk (2019)- Credit: Frame Video

TECNOLOGIA24 dicembre 2021

Tesla, stop ai videogame per chi sta guidando

di Federico Bandirali

Seguendo quanto richiesto dalle autorità statunitensi, per eliminare possibili distrazioni pericolose

Secondo quanto riferito dalla National Highway Traffic Safety Administration statunitense, Tesla non permetterà più alle persone di giocare ai videogiochi sul display integrato delle sue auto mentre lo stesso sono in movimento. La modifica, parte di un aggiornamento software imminente, arriva poco dopo l’annuncio dell’autorità dell’avvio di un’indagine utile a valutare le funzionalità che dovrebbe coinvolgere circa mezzo milione di automobili negli Stati Uniti.

 

Quanti hanno potuto testare la funzione ribattezzata “Passenger Play” all’inizio di dicembre del 2021, si sono potuti cimentare nel giocare ad alcuni videogame “Tesla Arcade” con le auto in movimento, trovandosi davanti un avviso indicante come il giocare quando il veicolo era in movimento fosse possibile solo per i passeggeri. Il tutto insieme ad un apposito pulsante, per confermare appunto che il “giocatore” fosse realmente un passeggero e non l’autista.

 

Tuttavia, nulla impediva al conducente di pigiare sul pulsante e giocare mentre si trovava al volante. Non c'è “nessuna argomentazione che si possa sostenere che la funzione non sia pericolosa”, ha commentato il direttore esecutivo del Center for Auto Safety (centro per la sicurezza delle macchine, ndr) stando a quanto riportato dal New York Times.

 

- LEGGI ANCHE - Tesla investirà 10 miliardi nel nuovo stabilimento in Texas

- E ANCHE - Elon Musk e la visita agli Uffizi di Firenze

 

La casa automobilistica che produce veicoli elettrici di Elon Musk, ha risposto all’agenzia annunciando cambiamenti nella funzione, con l’autorità a sottolineare come le normative vigenti negli Usa proibiscono “ai produttori di vendere veicoli che comportano rischi irragionevoli per la sicurezza, comprese le tecnologie che distraggono i conducenti dalla guida sicura”.